Viaggi Avventure nel Mondo

ROUND DHAULAGIRI TREK Viaggio di gruppoTrekkingIndia, Nepal e Dintorni

Foto di Renato Udeschini
DURATA
18 giorni
PERIODO
Feb Mar Apr Mag Set Ott Nov
PERNOTTAMENTI
in tenda e alberghetti
TRASPORTI
autobus e aereo
PASTI
cucina da campo ed alberghetti
DIFFICOLTÀ
escursionismo d’alta quota, con superamento di un Passo a 5000m
INFORMAZIONI
I coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni. Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici:
Alberto FAROLFI - Tel. 3292172204
VIAGGIARE SICURI
Consulta il sito del Ministero Degli Esteri - Viaggiare Sicuri per informazioni su sicurezza, clima, meteo, sanità, documenti di viaggio, visti e valuta.
VISTI E VACCINAZIONI
Il visto si prende in arrivo e si paga con la cassa comune, costo visto in arrivo 30$ per soggiorni di 15 gg, 50$ per soggiorni di 30 gg.
Scaricare il form di richiesta da presentare all’arrivo da http://www.nepalimmigration.gov.np/?page_id=119
Il visto può essere richiesto anche al Consolato del Nepal di Roma presso Viaggi Nel Mondo Srl, Largo Carlo Grigioni 7, 00152 Roma. Inviare con Corriere Espresso insieme alla scheda di prenotazione il passaporto con la validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza, 1 foto tessera a colori ed il modulo compilato e firmato SCARICABILE QUI. Il costo del visto di 15 giorni è di 30 euro, il costo del visto di 30 giorni è di 50 euro, il costo verrà addebitato sul foglio notizie. Per coloro che decidono di prendere il visto in arrivo suggeriamo la procedura della richiesta preventiva online per mezzo del sito http://online.nepalimmigration.gov.np che facilita e velocizza l'entrata nel Paese.
Passaporto valido per almeno 6 mesi.
Raccomandata profilassi antimalarica (clorochino-resistente) e l’antitifica, se si visita il Terai.
Il trek permit si prende in arrivo.

SITUAZIONE COVID-19
Nepal

Tampone Pcr effettuato nelle 72 ore precedenti l'ingresso.
Quarantena di 7 giorni e compilazione modulo e portare con se il codice a barre ottenuto.
Al settimo giorno ulteriore test.
Divieto per i cittadini italiani per il DPCM del 02 Marzo 2021 e ordinanza del 14 maggio 2021
 

Quota di partecipazione
Quota base da Roma o Milano
2.310
Supplemento stagionale Supplemento alta stagione (volo): Ottobre
+ 150
Supplemento voli nazionali se necessari
la quota è suscettibile di variazioni per effetto del vettore utilizzato
la quota comprende
il trasporto aereo nella classe e con i voli previsti da Roma e Milano (Supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), la guida Nepal del Centro Studi, la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze). Portatori, sherpa, pensione completa per i 13 giorni di trekking; il trasporto in autobus per Pokhara e Muri e il volo da Jomoson a Kathmandu.
la quota non comprende
gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
NB: Le quote hanno un valore indicativo e saranno confermate nel foglio notizie di ogni partenza.
Cassa comune
Cassa comune
200
La cassa comune e' l'importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere. Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il punto 5 del Decalogo per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune.
Partenze programmate
29 OTT - 15 NOV
cod: 7693
Prenota
Itinerario e redazionale

Volo dall'Italia a Kathmandu, gli ultimi preparativi, trekking permit, biglietti, attrezzatura ecc, quindi con guida, provviste e materiali partiamo in corriera per Pokhara (o volo con supplemento) da dove si possono già vedere le cime bianche di Annapurna, Machhapuchhare e più a ovest Dhaulagiri. Da Pokhara si procede ancora in auto verso ovest, Baglung e poi verso Beni posto alla confluenza tra Kali Gandagaki e Myagdi Khola; seguiremo quest'ultimo fino al ghiacciaio a nord ovest del Dhaulagiri, il Chhonbardon Glacier che ne alimenta la sorgente. Ancora in auto con la nuova strada carrozzabile fino a Muri (1804m).

Il territorio è disseminato di terrazze coltivate e paesi abitati da etnie Gurung e Magar, principalmente agricoltori e pastori e da Takali da sempre commercianti in queste vallate di passaggio di merci dall'India al Tibet. Lasciamo le auto dove il corso del fiume piega a nord, il sentiero procede a saliscendi sui fianchi ripidi della vallata mentre si rivedono le cime innevate, ora più vicine. Durante questo tratto di salita attraverseremo la foresta pluviale caratteristica dei versanti meridionali dei colossi himalayani, i paesi diventano sempre più piccoli e rari; Jugapani, Bogara, Chartare... In nove-dieci giorni, con una sosta di acclimatazione a Puchhar (3.600 m), raggiungeremo il campo base sul ghiacciaio e il French Pass (5.360 m).

A sinistra la catena del Dhaulagiri II, III, IV, V, VI e il Sita Chugura che fa da contrafforte al passo, a destra il Dhaulagiri I che ci ha dominato negli ultimi giorni, ci faranno sentire immersi nel più selvaggio ambiente hiamalayano. French Pass, il passo dei francesi. Ha questo nome dal 1950 quando alcuni componenti della spedizione francese lo raggiunsero durante le esplorazioni per la salita al Dhaulagiri, fermandosi qui bloccati dall’imponenza della parete nord alta 3.500 m del Monte Bianco dell’Himalaya. La spedizione svizzera del ’53 raggiunse questo punto percorrendo per prima l’itinerario del Mayangdi Kola, che noi stiamo seguendo, ma anche loro furono respinti dalla montagna come le successive sei spedizioni, fino al 1960 quando Kurt Diemberger, Ernest Forrest, Nima e Nawang Dorje,Albin Schelbert e Peter Diener furono i primi componenti dell’ennesima spedizione svizzera a toccare la cima, 8.137 m, del penultimo ottomila ancora inviolato.

Al di là del passo si apre la Hidden Valley, la «Valle sconosciuta» (dove è possibile piazzare un campo a circa 5.000 m), che noi non seguiamo perché attraversandola in alto, sempre su neve, raggiungiamo il Dhampus Pass (5.250 m), dal qua la vista si apre sulla vallata del Khali Gandaki e, più in là, di fronte a noi, sul Nilgiri e sull’Annapurna. La successiva discesa verso Marpha e Jomsom ci prenderà due giorni attraverso una zona dove la presenza umana si limita alla stagione dei pascoli, fino a raggiungere la base della gola più profonda del mondo scavata tra Annapurna e Dhaulagiri dal fiume, uno dei pochi passaggi tra nord e sud nella catena Himalayana. Ormai le difficoltà sono alle spalle, in tre giorni possiamo raggiungere la sacra Muktinath (3.800 m) e ritornare a Jomoson. Muktinath è uno dei luoghi più sacri dell’Himalaya, ricco di templi sia induisti che buddisti, e merita una visita. Al ritorno ci fermeremo nella zona di Kagbeni, la porta del regno di Lo, il Mustang, abitato dalle popolazioni tibetane che vivono ancora oggi come nel Medioevo. Il percorso Jomson Muktinath può ora essere effettuato anche in auto su strada carrozzabile in poche ore. Fine del trekking, da Jomson in aereo via Pokhara ritorneremo a Kathmandu e avremo ancora 1 giorno da dedicare alla città o alla visita di Bhaktapur e Patan, passando le ultime ore prima di andare in aeroporto a cercare di far stare nei sacconi tutto quello che non abbiamo potuto fare a meno di acquistare nelle bancarelle colorate in Thamel. Poi l’Italia.

NB: La sezione "Itinerario e Redazionale" costituisce un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori. Costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi proposti da Viaggi nel Mondo.
I nostri partner per questo viaggio
Materiale di viaggio
Equipaggiamento
Goretex
Per questo viaggio ti consigliamo abbigliamento e calzature con membrana Gore-Tex. Prenota il viaggio per ricevere un codice di Extra Sconto -10% su tutti i prodotti Goretex.
Quaderno di viaggio
NEPAL
I quaderni di viaggio sono raccolte di articoli selezionati da Avventure nel Mondo. Vengono inviati ai partecipanti iscritti al viaggio.
Approfondimenti e social
Libreria dell'Angolo dell'Avventura LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Entra nella nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio.
Altri viaggi simili