Avventure nel Mondo
Avventure nel Mondo
Avventure nel Mondo
DURATA
22 giorni
PERIODO
Apr Mag Giu Set Ott Nov
PERNOTTAMENTI
tenda e alberghetti
TRASPORTI
voli interni e a piedi
PASTI
cucina da campo e ristorantini
DIFFICOLTÀ
2 passi oltre 5.000 m
INFORMAZIONI
I coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni. Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici:
Alessandra GUERINI - Tel. 3491967328
VIAGGIARE SICURI
Consulta il sito del Ministero Degli Esteri - Viaggiare Sicuri per informazioni su sicurezza, clima, meteo, sanità, documenti di viaggio, visti e valuta.
VISTI E VACCINAZIONI

Il visto Nepal si prende in arrivo e si paga con la cassa comune. Il costo è di 30$ per soggiorni fino a 15 giorni e 50$ per soggiorni fino a 30 giorni. Completare il form di richiesta da presentare all’arrivo scaricandolo dal sito “nepaliport.immigration.gov.np” (visa on arrival) e registrarsi sul sito “ccmc.gov.np
Il visto può essere richiesto anche al Consolato del Nepal di Roma presso Viaggi Nel Mondo Srl, Largo Carlo Grigioni 7, 00152 Roma. Completare il form di richiesta visto dal sito “nepaliport.immigration.gov.np” (visa from nepalese mission) e inviare la ricevuta rilasciata con il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza, 1 foto tessera a colori ed il modulo compilato e firmato SCARICABILE QUI. Utilizzate un corriere espresso. Registrarsi sul sito “ccmc.gov.np” prima della partenza.
Il costo del visto in Consolato è di 30€ fino a 15 giorni e di 50€ fino a 30 giorni e verrà addebitato nel foglio notizie definitivo.
Raccomandata profilassi antimalarica (clorochino-resistente) e l’antitifica, se si visita il Terai.
Il trek permit si prende in arrivo.
 

SITUAZIONE COVID-19
Nepal

L'ingresso nel paese è consentito presentando TUTTI i seguenti requisiti:

  • Registrazione sul sito
  • Assicurazione medica Covid 19 minimo 5000 USD inclusa nel pacchetto.

Inoltre i viaggiatori vaccinati:

  • Certificato vaccinale completato da almeno 14 giorni in lingua inglese ( doppia dose) N.B: per il J&J si deve avere la dose booster.

Mentre i viaggiatori non vaccinati potranno effettuare l'ingresso presentando un Pcr effettuato 72 ore prima della partenza.

NB controllare sempre i requisiti dei paesi di transito.

Il rientro in Italia è consentito senza restrizioni.

Quota di partecipazione
Quota base
Da Roma o Milano
2.465
Supplemento
Estate
+ 150
Supplemento
Stagionale
Supplemento alta stagione (volo): Ottobre
+ 150
Supplemento voli nazionali se necessari
la quota è suscettibile di variazioni per effetto del vettore utilizzato
Per partenze da altre città indicare la preferenza sulla scheda
NB: Le prenotazioni effettuate entro 10 giorni dalla data di partenza potrebbero subire una maggiorazione rispetto alla quota pubblicata che verrà notificata al momento dell'iscrizione. Nel caso in cui la maggiorazione non venga accettata sarà possibile annullare la prenotazione senza alcuna penale.
La quota comprende
il trasporto aereo, compreso il volo per/da Juphal, nella classe e con i voli previsti da Roma e Milano (Supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale) , la guida Nepal del Centro Studi, la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), sherpa, portatori, tende, pensione completa per i 13 giorni di trekking, i trekking-permit.
La quota non comprende
gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
NB: Le quote hanno un valore indicativo e saranno confermate nel foglio notizie di ogni partenza.
Cassa comune
Cassa comune
150
La Cassa Comune è l'importo di spesa previsto per persona in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota di partecipazione. Si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti considerando un livello di servizi medio ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere. Consulta le FAQ ed il punto 5 del Decalogo per una spiegazione dettagliata sulla gestione della Cassa Comune.
Partenze programmate
03 SET - 24 SET
cod: 7636
Prenota
17 SET - 08 OTT
cod: 8913
Prenota
15 OTT - 05 NOV
cod: 7643
Prenota
05 NOV - 26 NOV
cod: 7646
Prenota
Itinerario e redazionale
Avventure nel Mondo
gruppo Guerini

Tichurong (dri-chu-rong: valle dell’acqua profumata), Tarap e Phoksumdo formano il Basso Dolpo, terra di confine fra i Magar induisti del massiccio del Dhaulagiri ed i Tibetani buddisti e bön degli altopiani. Con una camminata ad anello vogliamo incontrare queste popolazioni che vivono a sud del Bö Yul, il paese nascosto, in valli dove la natura ha usato tutta la tavolozza dei colori dagli ocra dei sedimenti fossili al profondo blu del lago Phoksumdo, dai cristalli delle vette ai sempreverdi dei pini himalayani e dei ginepri.

Nei gompa incontreremo gli ultimi lama di una religione poco conosciuta: il Bön è un lamaismo cresciuto nel Tibet occidentale contemporaneamente al Vajrayana cioè il lamaismo affermatosi nel Tibet centrale ed orientale. I libri sacri sono segreti e si sussurra che i lama bön-po pratichino la magia nera. Nei templi conosceremo le raffigurazioni delle divinità Bön: il maestro Shenrab, Shendio bianca luce, il Puro 10.000 volte 100.000, la dea madre Satrik, il Dio Dart, Ganacakra e la Guida del cielo. Da Kathmandu in volo a Juphal (Dolpa Airport, 2.500 m). Scendiamo a Dunai (2.200 m), capitale amministrativa del Dolpo, iniziando il nostro percorso in senso antiorario secondo la tradizione bön. Nella valle incassata del fiume Bheri, ecco Tarakot (2.800 m), antica ca-pitale di questo piccolo regno annesso dai Gorka nel 1700. Il villaggio comprende vari insediamenti, disposti sulle terrazze che la pazienza degli uomini ha ricavato sul versante settentrionale della Catena del Dhaulagiri, il grande gigante di 8.000 metri che veglia su queste valli. Una breve visita dei templi sparsi nelle frazioni di Dzong (il forte), Ba, Tup e Drikung con il tempio di Darsa (centro di diffusione della dottrina), il maggior tempio del Tichurong, e proseguiamo per Sandul gompa (lett. Pacificatore della terra) con una deviazione ai gompa di Kane e di Pärle (Monastero della svastica nel bosco dei ginepri) . A Sandul il Bheri si forma con la confluenza fra il Barbung Khola ed il Tarap. Fra gigantesche conifere ci avviamo sulla via dei ponti passando numerose volte da una sponda all’altra del fiume. Il sentiero, molto accidentato, ci porta in tre giorni all’oasi di Tarap, in un fantastico ambiente fra gli ocra e gialli delle montagne e il verde smeraldo dei campi d’orzo. 

Nella valletta laterale del torrente Charkolumba chu, visitiamo il villaggio di Dhoro, l’insediamento più ad est del gruppo di frazioni che formano Tarap: poche case ed un tempietto Nyingma-pa mentre sull’altra sponda del torrente sorge il monastero bön di Sh’ipchook. Raggiunto Dho (4.000 m), annunciato dai chorten-kani, uno Bön ed uno Nyingma-pa, saliamo sopra il villaggio al piccolo monastero Sakya (ora Nyingma-pa) che domina la valle principale. Un ponte all’altezza di Kakar Gompa ci si porta sulla destra orografica ed alla frazione di Modro e poi al Chamba Lhakhang, costruito negli anni ‘50 e dedicato a Maitreya, il Buddha del futuro. Più a monte le case di Kaite e il gompa di Kunbzang chosling (isola completamente buona della dottrina). Ma anche sulla sinistra del Tarap vi sono alcuni insediamenti: Kakar Gompa, Ciumag, Kagar e Tokkhyu [«Tok» (tog: superiore) e «Khyu» (corre o scorre)]. Ci portiamo in quota ai pascoli di Sharing Drong (4.200 m), proprietà del villaggio di Kagar, con il tempietto di Sharing Drong Ormai ben acclimatati proseguiamo per una valletta laterale verso la cresta del Num la Bhanyangche valicheremo al Numa la (5.150 m).

Lo sguardo spazia verso sud est, alla catena del Dhaulagiri con le sue vette di oltre settemila metri fino al Phuta Himal, sullo sfondo compaiono i colossi degli Annapurna. Scendiamo su un fondovalle erboso per poi affrontare il Baga La (5.070 m) che ci permette, in un paio di giorni da Tarap, di arrivare a Murwa. Di fronte a noi ecco il secondo gigante del nostro trekking: La catena del Kanjiroba con il Kanjeruwa che si riflette nel lago Phoko-sumdo, gemma incastonata fra pareti verticali. Sulle sue rive visitiamo il gompa di Ringmo (3.600 m) mentre un’altra deviazione ci permette di raggiungere il tempio bön di Pugmo. Scendiamo lungo il torrente Suli Gad incontrando i minuscoli villaggetti di Regi e Roha (2.800 m) e torniamo a Dunai quindi l’aeroporto Juphal. Un breve volo aereo ed eccoci nuovamente a Kathmandu e ci imbarchiamo per l’Italia.

Avventure nel Mondo
gruppo Guerini
NB: La sezione "Itinerario e Redazionale" costituisce un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori. Costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi proposti da Avventure nel Mondo.
I nostri partner per questo viaggio
Materiale di viaggio
Quaderno di viaggio
NEPAL
I quaderni di viaggio sono raccolte di articoli selezionati da Avventure nel Mondo. Vengono inviati ai partecipanti iscritti al viaggio.
Approfondimenti e social
Libreria dell'Angolo dell'Avventura LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Entra nella nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio.
Altri viaggi simili