Viaggi Avventure nel Mondo

KHAN TENGRI 7.010 m Viaggio di gruppoTrekkingAsia Centrale

Foto di Giuseppe Pompili
Viaggio Alpinismo!

Le ascensioni in vetta e le spedizioni alpinistiche, a differenza di ogni altro Trekking, si propongono una meta ben precisa: il raggiungimento di una cima, che diviene quindi lo scopo principale del viaggio. Si tratta quindi di trekking molto più impegnativi, che spesso prevedono salite e superamenti di passi innevati oltre i 6.000 metri o di cordate autosufficienti d’alta quota, in regioni remote ed in gran parte disabitate. Per chi partecipa è indispensabile avere esperienze di salite in alta montagna ed essere molto ben allenato a conoscere le tecniche di alpinismo necessarie. Chi programma una salita dovrebbe sempre avere uno o più compagni di cordata con i quali ha condiviso esperienze e affrontato difficoltà. Insieme essi rappresentano una piccola comunità autosufficiente che può facilmente convivere e condividere l'esperienza della salita con altri gruppi di alpinisti ugualmente omogenei e autosufficienti. 

Vere e proprie spedizioni alpinistiche con salite sulle vette più alte del mondo.
DURATA
30 giorni
PERIODO
Ago
PERNOTTAMENTI
tenda propria e alberghetti
TRASPORTI
auto e piedi
PASTI
cucina da campo e al sacco
DIFFICOLTÀ
scalata d'alta quota molto impegnativa. Consultare il capospedizione.
INFORMAZIONI
I coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni. Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici:
Arturo CACCICO - Tel. 0377-36307
Gianluca CROCI -Tel. 0041919852887
VIAGGIARE SICURI
Consulta il sito del Ministero Degli Esteri - Viaggiare Sicuri per informazioni su sicurezza, clima, meteo, sanità, documenti di viaggio, visti e valuta.
VISTI E VACCINAZIONI
Provvediamo a prendere il visto per il Kazakistan e il Kirghistan compreso nella quota. Inviare il passaporto e 3 foto.
SITUAZIONE COVID-19
Kazakhstan

Chiuso momentaneamente al turismo.

Kirghizistan

Aperta al turismo.
Test PCR 72 ore prima dell'ingresso. 
Divieto per i cittadini italiani per il DPCM del 02 Marzo 2021 e ordinanza del 14 maggio 2021

Quota di partecipazione
Quota base da Roma o Milano
2.080
*Provvisoria*
Supplemento estate
+ 50
La quota di partecipazione può variare in base al numero dei partecipanti
la quota comprende
il Peak Permit, il trasporto aereo, il quaderno di viaggio (solo se disponibile nella nuova versione), la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), un pacchetto di servizi comprendente, i trasporti a terra, la sistemazione in tende al Campo Base e i pernottamenti in alberghetti o tenda durante l’avvicinamento, tutti i pasti durante l’avvicinamento e al Campo Base (per la salita occorre una scorta di viveri speciali portati dall’Italia) e il personale di supporto al C.B., il permesso per la salita alla vetta.
la quota non comprende
le assicurazioni personali, i portatori di alta quota, gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
NB: Le quote hanno un valore indicativo e saranno confermate nel foglio notizie di ogni partenza.
Cassa comune
Cassa comune
100
La cassa comune e' l'importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere. Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il punto 5 del Decalogo per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune.
Partenze programmate
01 AGO - 30 AGO
cod: 7947
Prenota
Itinerario e redazionale
 gruppo Bencovich
gruppo Bencovich

La catena del Tien-Shan, una delle «braccia» che si dipartono dal nodo del Pamir, per moltissimo tempo non è stata altro che un vuoto nome geografico. Situata al confine tra il Kazakistan, Kirghizstan e la Cina in un luogo tagliato fuori da qualsiasi percorso e possibilità di visita, era sempre rimasta un sogno per gli alpinisti occidentali. 

Con la disgregazione dell’URSS e l’apertura della Russia è possibile recarsi sul posto e realizzare qualche spedizione alpinistica che ha ancora il sapore della scoperta. 

La catena, veramente immensa, non ha nulla da invidiare all’Himalaya, né per estensione dei ghiacciai, né per grandiosità di ambiente, né, tantomeno, per bellezza delle cime che, anche senza raggiungere gli 8.000, culminano nei 7.439 del Pic Pobedy e vantano infinite vie vergini. 

Il nostro ambizioso programma prevede la salita a quella che forse è la più bella cima del Tien-Shan: il Khan Tengri (Signore degli Spiriti), un Cervino di 6.995 m.
Spedizione impegnativa, sia per la lunghezza del percorso su ghiacciaio che per la tecnica parte finale: 800 m di misto fino al 3° grado. Facendo tesoro dell’esperienza acquisita durante la prima spedizione nell’estate ‘92 (spedizione che ha portato per la prima volta tre italiani in vetta lungo la via da Nord) sceglieremo senz’altro la via da Sud. La via da Nord rende infatti praticamente obbligatorio l’uso dell’elicottero per raggiungere il C.B. e richiede un piccolo gruppo di alpinisti veramente forti per arrivare alla spalla ovest lungo un percorso molto difficile ed espostissimo.

La via da Sud è molto più «potabile» e permette di arrivare alla medesima spalla ovest lungo un ghiacciaio ripido e crepacciato, certo, ma camminabile con pesanti carichi e portatori. Il pericolo di valanghe che incombe sul tratto mediano della salita, tra quota 4.300 e quota 5.100, può essere minimizzato percorrendo il medesimo nelle ore notturne.

Il viaggio in breve
Dall’Italia ad Almaty; completamento dell’organizzazione logistica e trasferimento in auto a Karkara. Dedichiamo un paio di giorni a smaltire la stanchezza del viaggio e a una presa di contatto con l’ambiente che ci circonda con brevi passeggiate e facili salite di quota. La salita alla vetta potrà essere realizzata sulla base della propria esperienza e allenamento, concordando con le guide un piano di attacco alla vetta; altrimenti si seguirà il programma suggerito dall’organizzazione che prevede un’acclimatamento graduale con tre giorni di salita al campo I (4200m) e al campo II (4800/5200m) con rientro al C.B. Dopo un giorno di riposo, quattro giorni per salire fino al campo III a quota 6000/6300m, con rientro il quarto giorno al C.B.; due giorni di riposo, cinque per salire al campo I,II,III e IV a quota 6500/6700m. Il quarto giorno si raggiunge la vetta e si rientra al campo IV e il quinto giorno rientro al C.B, dove troveremo l’elicottero che ci riporterà a Karkara da dove in autobus raggiungeremo Almaty e l’aereo che ci riporterà in Italia.

Spedizione molto faticosa ed estremamente impegnativa, riservata ad alpinisti esperti e ben allenati.

 black glacier - gruppo Bencovich
black glacier - gruppo Bencovich
NB: La sezione "Itinerario e Redazionale" costituisce un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori. Costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi proposti da Viaggi nel Mondo.
I nostri partner per questo viaggio
Approfondimenti e social
Libreria dell'Angolo dell'Avventura LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Entra nella nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio.
Altri viaggi simili