Viaggi Avventure nel Mondo

PIRENEI MAGICI Viaggio di gruppoTrekkingSud Europa

Foto di Lorenzo Serafini
DURATA
12 giorni
PERIODO
Apr Mag Giu Lug Ago Set
PERNOTTAMENTI
rifugi e tenda
TRASPORTI
voli low cost, auto, piedi
PASTI
al sacco e nei rifugi
DIFFICOLTÀ
zaino in spalla pesante, senza portatori, lunghe tappe
INFORMAZIONI
I coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni. Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici:
Lorenzo SERAFINI - lorenzoserafini@yahoo.com
Maurizio TRAVERSO - Tel. 010-2514339
Carmelo ZUCCARELLO - Tel. 3342124124
VIAGGIARE SICURI
Consulta il sito del Ministero Degli Esteri - Viaggiare Sicuri per informazioni su sicurezza, clima, meteo, sanità, documenti di viaggio, visti e valuta.
VISTI E VACCINAZIONI
Nessuno richiesto
SITUAZIONE COVID-19
Francia

Obbligo (ai viaggiatori maggiori di 11 anni)  di presentare:
- Tampone Pcr o antigenico effettuato nelle 72 ore precedenti l'ingresso 
- Certificato di vaccinazione completata (dovrà essere avvenuta da almeno 4 settimane per il Johnson&Johnson e 7 giorni per Pfizer, Astrazeneca e Moderna).
- Certificato di guarigione da Covid avvenuta da almeno 12 giorni e da massimo 6 mesi.
 Dal 21 Luglio 2021, per tutti i viaggiatori con più di 12 anni di età, sarà obbligatorio esibire il certificato Covid che attesti: o l'avvenuto completamento del ciclo vaccinale o l'esito di un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti, per accedere a luoghi di svago e cultura.
Da Agosto e previa approvazione di una legge, il certificato Covid diventerà obbligatorio per entrare in bar, ristoranti, centri commerciali, treni ,aerei e pullman di lunga distanza.
Per i viaggi in Francia, per i viaggiatori non vaccinati, obbligo a compilare un'autocertificazione
Per i viaggi in Corsica: Obbligo, prima dell'ingresso nel Paese, di compilare il modulo di autocertificazione
Per i rientri in Italia: modulo digitale compilabile, certificazione verde covid (green pass) dalla quale deve risultare uno di questi requisiti: 
- Certificato di avvenuta Vaccinazione Covid completata da almeno 14 giorni.
- Certificato di avvenuta guarigione da Covid
- Tampone Pcr o antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso.

Spagna

A partire dal 1 luglio il passeggero dovrà presentare il green pass europeo rispettando uno dei seguenti requisiti: 
- Certificato di avvenuta Vaccinazione Covid completata da almeno 14 giorni.
- Certificato di avvenuta guarigione da Covid avvenuta massimo 180 giorni.
- Tampone Pcr effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso.
In arrivo, controllo sanitario prima di entrare nel Paese.
Compilazione Formulario online 
Per l'ingresso in Galizia compilazione Form online
Per i rientri in Italia: modulo digitale compilabile, certificazione verde covid (green pass) dalla quale deve risultare uno di questi requisiti: 
- Certificato di avvenuta Vaccinazione Covid completata da almeno 14 giorni.
- Certificato di avvenuta guarigione da Covid
- Tampone Pcr o antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso.

Quota di partecipazione
Quota base da BERGAMO
610
la quota comprende
il trasporto in voli low cost da Bergamo a Lourdes, il quaderno di viaggio (solo se disponibile nella nuova versione), la polizza infortuni, la copertura Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), i trasporti si pagano in Cassa Comune.
la quota non comprende
gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
NB: Le quote hanno un valore indicativo e saranno confermate nel foglio notizie di ogni partenza.
Cassa comune
Cassa comune
480
La cassa comune e' l'importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere. Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il punto 5 del Decalogo per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune.
Partenze programmate
Nessuna partenza programmata
Itinerario e redazionale
 gruppo Serafini
gruppo Serafini

Gran bella sgambata in un ambiente ancora molto 'naturale'. 

I Pirenei, infatti, non sono superantropizzati come le Alpi e conservano, al di là dell’affollamento di alcuni rifugi, un’impronta originale di semplice naturalezza: senza offrire cime eccelse, grandi ghiacciai o famose pareti riescono a far nascere l’impressione di trovarsi immersi in un ambiente 'diverso', di serena e arcaica semplicità, ove la natura è ancora spesso genuina e la presenza dell’uomo scarsa e rispettosa. Grandi boschi in basso, estesi pascoli e radure in alto, pareti, scivoli, ghiaioni, piccoli ghiacciai, molti laghi e laghetti, una notevole fauna, camosci, ermellini, marmotte, aquile, avvoltoi grifoni, salamandre nei posti umidi, dicono anche orsi, molto silenzio rotto solo da gorgogliare di torrenti e cascate, valli profonde, canyon incisi nella roccia, gente anche numerosa ma sempre rispettosa dell’ambiente e degli altri, insomma un’esperienza che lascia il segno. Ma, attenzione, proprio per questo il trekking è 'duro': zaini molto pesanti, grandi dislivelli, tappe lunghe e faticose, molte pietraie e ghiaioni imporrebbero un’autoselezione che è lungi dalla testa di molti iscritti, con conseguenti malanni muscolari, affaticamento e abbandoni. 

Ci vuole quindi buon allenamento, determinazione e abitudine anche mentale a 'vivere' la montagna.

 gruppo Zuccarello
gruppo Zuccarello
Itinerario di viaggio
Giorno 1
partenza dall'Italia per Lourdes.
Giorno 2
In bus a Gavarnie (1375 m), inizio del trek fino al rif. de la Brèche (2587 m). 5 ore. Lunga e faticosa salita in uno degli ambienti più celebrati dei Pirenei, il Cirque de Gavarnie, uno stretto semicerchio chiuso da altissime pareti verticali. Dalla parete del pic du Marboré precipita la cascata omonima, una delle più alte d'Europa, le cui acque precipitano per 400 m senza toccare la roccia.
Giorno 3
rif. de la Brèche - rif. de Goritz (2160 m). 4.30 ore. tappa non lunga che permette di passare in Spagna e di cogliere aspetti di un paesaggio senza uguali in Europa, tra cui la famosa Brèche de Roland che la legenda vuole aperta dal paladino Orlando con la sua spada. Giunti al rifugio, i piu in gamba potranno salire il Mt. Perdido (1200 m di dislivello), faticosa, ma remunerativa escursione.
Giorno 4
rif. de Goritz - rif. de Bujaruelo (1338 m). 4 ore. Tappa di sola discesa, ma di straordinario interesse paesaggistico, ove percorriamo il Canyon de Ordesa dalle altissime pareti. Giunti al parcheggio, in bus e in autostop fino al confortevole chalet - rifugio.
Giorno 5
rif Bujaruelo - rif. Baysellance (2651 m). 8/9 ore. E' la tappa più lunga, con ben 1830 m di dislivello in salita ma in ambiente sempre molto vario. Lasciando il mondo pietrificato di Ordesa ci riportiamo in Francia al cospetto del Pic de Vignemale (3298 m), in un selvaggio ambiente di rocce e ghiaccio.
Giorno 6
rif. Baysellance - rif. Wallon (1865 m). 7.30 ore. La maggior attrazione di questa tappa è costituita dalle imponenti pareti Nord del Vignemale. L'itinerario preosegue poi su alte pietraie per scendere infine lungo una bellissima valle punteggiata da maestosi pini cembri.
Giorno 7
rif. Wallon - rif. Respumoso (2200 m). 4.30 ore. Torniamo brevemente in Spagna percorrendo un aspro ambiente di alta montagna tra rovine di roccia e ghiaioni per sbucare in grande piana acquitrinosa e raggiungere il moderno e confortevole rifugio. Splendidi panorami e la possibilità di salire, en passant, la Grand Fache (3005 m, con semplici passaggi di 1°)
Giorno 8
rif. Respumoso - rif. Larribet (2006 m) opp. rif. d'Arremoulit (2200 m). 7 ore opp. 4 ore. Il primo percorso passa attraverso l'impegnativo Port de Lavedan ed è consigliabile solo con bel tempo, il secondo ricalca la prima parte del percorso poi supera il più semplice col d'Arremoulit, in entrambi i casi ambiente di alta montagna tra pareti, frane e numerosi laghi.
Giorno 9
rif. Larribet (o d'Arremoulit) - rif. de Pombie (2031 m). 7/9 ore. Partendo da uno o l'altro dei rifugi ci portiamo al lago di Artouste ove ci imbarchiamo sul trenino turistico che con splendido percorso panoramico, ci fa scendere fino al lago sopra Gabas; da lì a piedi risaliamo prima la strada e poi il bel sentiero fino al rifugio, posto proprio sotto le imponenti pareti del Pic du Midi.
Giorno 10
rif. de Pombie - rif. Ayous (2026 m). 4.30 ore. Breve ma bellissima tappa che, senza mai perdere di vista le pareti del Pic, scende in una amena valle di pascoli (ottimo formaggio) e risale tra laghi e laghetti fino al rifugio, posto in posizione unica sulle rive di un lago di fronte al Pic.
Giorno 11
rif.Ayous - Etsaut (585 m). 5 ore. Tappa finale di discesa al mondo "basso", ma molto interessante per le ampie valli e, soprattutto, per il fenomenale sentiero - cengia che percorre a mezza altezza il grandioso Canyon di Mature. A Etsaut lavaggi e bus per Lourdes ove inizieremo il mesto ritorno.
Giorno 12
volo per l'Italia.

ATTENZIONE: consiglio caldamente di aggiungere un giorno per permettere a tutti di salire il Mt. Perdido: la salita è bellissima e alla portata di chiunque, ma lunga e faticosa e, senza un giorno intero ad essa dedicato, rimane riservata solo ai più tosti.

 gruppo Zuccarello
gruppo Zuccarello
NB: La sezione "Itinerario e Redazionale" costituisce un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori. Costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi proposti da Viaggi nel Mondo.
I nostri partner per questo viaggio
Materiale di viaggio
Approfondimenti e social
Libreria dell'Angolo dell'Avventura LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Entra nella nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio.
Altri viaggi simili