Viaggi Avventure nel Mondo
Foto di Antonio Grassi
DURATA
14 giorni
PERIODO
Gen Feb Mar Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
PERNOTTAMENTI
alberghetti
TRASPORTI
auto con autista
PASTI
ristorantini
DIFFICOLTÀ
lunghi tratti in bus, facile
INFORMAZIONI
I coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni. Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici:
Maria BIANCHI - Tel. 3356299141
Sandra RANGO - Tel. 3391508414
VIAGGIARE SICURI
Consulta il sito del Ministero Degli Esteri - Viaggiare Sicuri per informazioni su sicurezza, clima, meteo, sanità, documenti di viaggio, visti e valuta.
VISTI E VACCINAZIONI
Dal 03 aprile 2017 è obbligatorio ottenere il visto on line per l’India cliccando su https://indianvisaonline.gov.in/evisa/tvoa.html
Tutte le info le trovate QUI
Consigliata antitifica, raccomandata profilassi antimalarica (clorochino-resistente).
SITUAZIONE COVID-19
India

Chiuso momentaneamente al turismo.

Quota di partecipazione
Quota base da Roma o Milano
1.400
Supplemento estate
+ 240
Supplemento natale e capodanno
+ 240
Supplemento Aria Condizionata Supplemento aria condizionata (da giu ad ago)
+ 30
Estensione Estensione a Goa (solo volo)
+ 160
Per partenze da altre città indicare la preferenza sulla scheda
la quota comprende
il trasporto aereo nella classe e con voli previsti da Roma e Milano (supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), compreso il volo interno, il trasporto in autobus con autista, il quaderno di viaggio, la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze). Per l’estensione a Goa solo il trasporto.
la quota non comprende
gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
NB: Le quote hanno un valore indicativo e saranno confermate nel foglio notizie di ogni partenza.
Cassa comune
Cassa comune
300
Cassa comune in alta stagione alta stagione nat-cap
350
La cassa comune e' l'importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere. Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il punto 5 del Decalogo per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune.
Partenze programmate
25 GIU - 08 LUG
cod: 3707
Prenota
30 LUG - 12 AGO
cod: 3708
Prenota
06 AGO - 19 AGO
cod: 3709
Prenota
Itinerario e redazionale

Perché il Gujarat? Ingiustamente fuori dagli itinerari turistici principali, il Gujarat ha un patrimonio artistico, culturale, sociale e naturale inestimabile. È un’India meno nota e quindi ancora non rovinata da un turismo selvaggio ed invadente, forse, anche perché la visita richiede un pò di fatica fisica: alcuni dei centri templari più importanti si raggiungono solo salendo vertiginose scalinate. In volo raggiungeremo Ahmedabad, visiteremo la capitale, con le sue moschee, i baoli (pozzi monumentali), il museo Calico, il più importante museo indiano sulla tessitura, le moschee di stile misto indo-moghul. Da Ahmedabad si raggiunge Bhuj, nella regione del Kutch, dopo essersi fermati a Modhera, con il suggestivo tempio del Sole, edificato poco dopo il 1000, e a Patan, con il Rani Ki vav, stupendo insieme di sculture che sprofondano nella terra. Questa regione diventa virtualmente un’isola in alcuni periodi dell’anno, quando il Mare Arabico e le piogge tendono ad isolarla dal resto del Gujarat. A Bhuj i palazzi non sono più interessanti i villaggi, tutti ricchi di tradizione e di un artigianato molto vario.

Consigliati Nirona, Ludia, Hodka, Sumraser, Ajrakhpur, Bhujodi, che si visitano in un giorno, con ampie possibilità di acquisti. Da Bhuj, si raggiunge Dwarka, sulle rive del mare Arabico. È una delle sette città sante dell’induismo sacra a Krishna che vi si rifugiò, scacciato da alcuni demoni da Mathura e vi fondò la città, stupenda, indescrivibile. Porbandar, città natale di Gandhi, e Junagadh con bei palazzi (a febbraio con la luna piena si svolge lo Shivatri Festival) ai piedi del monte Girnar, luogo di preghiera per indù, jana e buddisti. 7.000 ripidi gradini portano alla sommità (1.117 m) ricoperta dalla foresta. Ci immergeremo poi nella Foresta di Gir (Sasan Gir), augurandoci di poter incontrare il raro leone asiatico. Sui 1.300 kmq della riserva vivono, oltre ai leoni, leopardi, buoi selvatici, cervi, stambecchi, cinghiali e l’altra rarità indiana: antilopi quattrocornute. Diu, conquistata da Vasco de Gama nel 1535, è stata possedimento portoghese sino al 1961. Qui la mattina presto si può partecipare all’esplosione di suoni e di colori del mercato del pesce, appena scaricato dalle barche, coloratissime, a Vanakbara, tra gli stridii dei trampolieri che lo rubano dal fondo delle ceste dei mercanti. 

La cittadina di Palitana è semplicemente il punto di partenza per la visita alla collina di Shatrunjaya, il 'luogo della vittoria', uno dei posti più straordinari del Gujarat. La cima della collina è una sorta di 'città degli dèi': vi si trovano infatti 863 templi in un mix incredibile di vecchio e nuovo, cinti a gruppi da mura e torri, in un incredibile gioco di luci e colori. Questo numero così considerevole si spiega col fatto che presso i jaina è considerato altamente meritevole chi costruisce un tempio. Per accedere alla sommità della collina, alta 600 m, si deve percorrere una strada a scalini che sale per circa 3 km. I templi, sorti nell’arco di 900 anni, dall’XI secolo fino ai nostri giorni, sono riuniti in 9 gruppi, ognuno con un tempio principale e numerosi templi minori disposti intorno. Il viaggio si completa con la visita delle moschee all’interno delle cinta di mura della città morta di Champaneer, patrimonio Unesco. Terminato il giro del Gujarat si lascia il pulmino ad Ahmedabad e con l’aereo si raggiunge Bombay, la città incredibile, forse 15 milioni di abitanti di cui 500.000 non hanno casa; Bombay, la città per noi più amata e odiata dell’India. Andremo quindi alla scoperta di questa città, ne scopriremo i mercatini alla ricerca dei rimasugli affascinanti dell’Impero britannico, le terribili strade a luci rosse, l’isola di Elephanta. Giunge infine il momento di riprendere l’aereo per volare, magari a malincuore, in Italia.

La visita di Bombay potrebbe essere sostituita dalla visita a Delhi, in base al piano dei voli confermato.

Estensione a Goa facoltativa di una settimana vedi programma GOA EXPRESS L’itinerario può essere effettuato anche in senso inverso.

Itinerario di viaggio
Giorno 1
Italia - Delhi /Mumbai
Giorno 2
Delhi/Mumbai - Ahmedabad
Giorno 3
Ahmedabad
Giorno 4
330 km
Ahmedabad - Adalaj ni Vav - Modhera - Patan (Rani Ki Vav) - Bhuj
Giorno 5
180 km
Bhuj - Hodka - Ludia - Nirona - Ajrakhpur - Bhujodi - Bhuj
Giorno 6
430 km
Bhuj - Jamnagar - Dwarka
Giorno 7
240 km
Dwarka - Porbandar - Junagadh
Giorno 8
10 km
Junagadh - salita a Girnar Hill - visita Junagadh
Giorno 9
210 km
Junagadh - Sasan gir NP - Diu
Giorno 10
210 km
Diu - Vanakbara - Palitana
Giorno 11
330 km
Palitana - collina di Shatrunjaya - Champaner
Giorno 12
135 km
Champaner - Ahmedabad
Giorno 13
Ahmedabad - Delhi
Giorno 14
Delhi/Mumbai -Italia
NB: La sezione "Itinerario e Redazionale" costituisce un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori. Costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi proposti da Viaggi nel Mondo.
Approfondimenti e social
Libreria dell'Angolo dell'Avventura LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Entra nella nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio.
Altri viaggi simili