Viaggi Avventure nel Mondo

FRIULI VENEZIA GIULIA Viaggio di gruppoAvventuraItalia

Foto di Patrizia Giachin
DURATA
10 giorni
PERIODO
Tutto l'anno
PERNOTTAMENTI
alberghetti, case private e altro
TRASPORTI
auto a nolo i partecipanti si alternano alla guida
PASTI
ristorantini
DIFFICOLTÀ
facile
INFORMAZIONI
I coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni. Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici:
Patrizia GIACHIN - Tel. 3336395949
Patrizia DONNOLI - Tel. 3478423009
SITUAZIONE COVID-19
Italia

Permesso lo spostamento tra Regioni.
Libera circolazione tra regioni bianche e gialle.

Per gli spostamenti in Italia, in aereo, traghetti o treni, a partire dal 1 Settembre 2021  sarà necessario mostrare il green pass con uno dei seguenti requisiti: 
- Certificato di avvenuta Vaccinazione Covid completata da almeno 14 giorni.
- Certificato di avvenuta guarigione da Covid
- Tampone Pcr o antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso.
 

Nord Italia

Tutte le regioni sono bianche.

Per gli spostamenti in Italia, in aereo, traghetti o treni, a partire dal 1 Settembre 2021  sarà necessario mostrare il green pass con uno dei seguenti requisiti: 
- Certificato di avvenuta Vaccinazione Covid completata da almeno 14 giorni.
- Certificato di avvenuta guarigione da Covid
- Tampone Pcr o antigenico effettuato nelle 48 ore precedenti l'ingresso.

Quota di partecipazione
Quota base da TRIESTE
490
la quota comprende
la polizza infortuni e l’assistenza Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze). Nolo auto/minibus per 9 gg comprese assicurazioni, escluso carburante
la quota non comprende
tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
NB: Le quote hanno un valore indicativo e saranno confermate nel foglio notizie di ogni partenza.
Cassa comune
Cassa comune
590
La cassa comune e' l'importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere. Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il punto 5 del Decalogo per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune.
Partenze programmate
01 OTT - 10 OTT
cod: 0323
Prenota
23 OTT - 01 NOV
cod: 0324
Prenota
29 OTT - 07 NOV
cod: 0325
Prenota
12 NOV - 21 NOV
cod: 0326
Prenota
03 DIC - 12 DIC
cod: 0327
Prenota
23 DIC - 01 GEN
cod: 2892
Prenota
28 DIC - 06 GEN
cod: 2894
Prenota
14 GEN - 23 GEN
cod: 2895
Prenota
Itinerario e redazionale
 Borgo del Castello di Strassoldo
Borgo del Castello di Strassoldo

Conquistata dai romani che fondarono nel 181 Aquileia quarta città dell’Impero, questa terra di confine fu teatro di invasioni: dagli Unni di Attila al breve regno di Odoacre e Teodorico, ai Longobardi. Dal tardo Medioevo all’età moderna fu di Venezia e degli Asburgo. Testimonianza di questo lungo e travagliato passato i Borghi e i Castelli, le Abbazie, i Monasteri ci raccontano il fascino della regione che si mescola a quello di una natura dolce e aspra in cui fanno da corona le Alpi, una zona di colline rigogliose e il mare.

 Fiume Tagliamento
Fiume Tagliamento
 Castello di Cassacco
Castello di Cassacco
Itinerario di viaggio
Giorno 1
Arrivo e visita alla città di Trieste
Giorno 2
Da Trieste a Gorizia lungo la costiera passando per Miramare, Sistiana, Duino, Gorizia Visita di Gorizia e del suo Castello
Giorno 3
Gorizia e il Collio. In giro per il Collio: Castello di Moncorona, Castello di San Floriano,’ Abazia di Rosazzo, Castello di Rocca Bernarda, Bosco Romagno, Dolegna del Collio, Castello di Spessa, Gorizia
Giorno 4
Da Gorizia a Cividale: Gradisca d’Isonzo, Strassoldo, Palmanova, la città stellata, Clauiano Castello di Buttrio, Cividale. Visita di Cividale e del Castello Canussio
Giorno 5
Cividale e le sue valli: Castello di Ahrensperg in restauro, Centro buddista di Polava, Santuario di Castelmonte, Da Cividale a Udine passando per Faedis e le sue fortificazioni medioevali (Castello di Zucco e di Cuccagna in restauro raggiungibili a piedi), Attimis e il Castello di Partistagno, Nimis e Pieve di San Gervasio e Protasio, Udine
Giorno 6
Udine, visita alla città
Giorno 7
In giro per castelli e borghi: Santa Maria del Gruagno, Castello di Moruzzo Castello di Cassacco, Castello di Zegliacco, Castello, di Colloredo di Montealbano, Castello di Susans, Castello di Ragogna, San Tomaso San Daniele, Castello di Rive d’Arcano, Castello di Fagagna e museo vita contadina di 'Cjase Cocèl', Castello di Villalta, Udine
Giorno 8
Da Udine a Spilimbergo: Castello di Artegna, Gemona, Venzone, Toppo, Pofabbro, Valvasone, Spilimbergo
Giorno 9
Spilimbergo visita alla città, Erto e Casso, Diga Vajont, Polcenigo, Sacile
Giorno 10
Sacile, Aquileia, Grado, Trieste rientro

Arrivati a Trieste ci accomoderemo subito nel salotto della città: Piazza Unità col suo caffè degli specchi, da qui inizieremo la nostra visita al Palazzo del Municipio, alla fontana, al Molo Audace, a Piazza della Borsa, al Teatro Romano. Una sosta pranzo in una bettola di Cavana, un vecchio e suggestivo quartiere della citta per poi, rifocillati proseguire verso la Cattedrale di San Giusto, il Castello San Giusto, la Basilica Romana, Piazza Vittorio Veneto, il Faro della Vittoria. Potremo completare la visita con una bella passeggiata serale al Borgo Teresiano, Piazza Sant' Antonio, Canal Grande, Tempio Serbo-Ortodosso. Non dobbiamo dimenticarci della Risiera di San Saba e dei musei importanti della città, chi va a Trieste non può trascurare il lungomare di Barcola che ci porterà allo splendido Castello di Miramare residenza di Massimiliano d’Asburgo. Un altro castello sul mare quello di Duino la cui leggenda della dama bianca gli conferisce un fascino particolare ci spingerà verso la città di Gorizia crocevia di diverse civiltà: latina, slava e germanica in cui troneggia un imponente castello medioevale. 

Con una breve deviazione di 10 km potremo sconfinare in Slovenia per ammirare il Castello di Moncorona e poi continuare tra meravigliose colline punteggiate da vigneti verso il Castello di San Floriano possesso patriarcale fin dal secolo XI. e dal 1520 dei Vinciguerra Formentini, ci spingeremo nel cuore del Collio, per visitare la bella Abbazia di Corno di Rosazzo in stile romanico, da cui si gode una bellissima vista. Proseguiremo per il Castello di Rocca Bernarda dalla bellezza cinquecentesca, dove si potrà degustare dell’ottimo vino presso l’omonima cantina, potremo fare una bella passeggiata nel Bosco Romagno e poi continuare per Dolegna del Collio, il Castello di Spessa del XIII sec e ritornare a Gorizia. Il nostro viaggio ci farà scoprire Gradisca d'Isonzo, fortezza quattrocentesca costruita sulla riva destra dell'Isonzo dai veneziani. Da qui ci sposteremo allo splendido borgo di Strassoldo ricco di chiese, palazzi e mulini e il suo castello e poi alla città stellata di Palmanova, patrimonio dell’Unesco, con le sue mura di cinta. Qualche chilometro e ci ritroveremo nell’affascinante borgo di pieris e claps di Clauiano

E proseguendo verso nord dopo aver ammirato il Castello di Buttrio sulla sommità della collina Pampinutta, eccoci a Cividale splendida cittadina fondata da Giulio Cesare con il nome di Forum Iulii, poi sede del primo ducato longobardo in Italia e più tardi, residenza dei Patriarchi di Aquileia. Potremo ammirare la Basilica, il tempietto e l’ipogeo longobardo, passeggiare sul Ponte del Diavolo e visitare il Castello Canusso (su prenotazione) da cui sono visilibili all’interno le antiche mura romane della città. Se vorremo potremo incunearci tra le valli del Natisone, splendido fiume dalle acque smeraldine e visitare a Polava il centro buddista e il suo tempietto. Tornati sui nostri passi dopo circa 8 km di curve in salita arriveremo a Castelmonte un antichissimo santuario posto su un cucuzzolo da cui si domina tutta la vallata. 

Da Cividale seguiremo una bella strada tra rigogliose colline per Faedis dove l’apposita segnaletica indica il sentiero pedonale per raggiungere i Castelli di Zucco e Cucagna, volendo in circa un quarto d’ora di agevole cammino, si sale anche al Castello di Partistagno e alla Cappella di S. Osvaldo. Proseguiremo per Nimis ma appena un pò prima potremo visitare la Pieve (nella forma attuale del XII sec.) di San Gervasio e Protasio. Siamo nella zona della produzione del Ramandolo un ottimo vino da degustazione che potremo facilmente trovare in qualche frasca lungo la via. 

Arriveremo a Udine che si sviluppa intorno al colle del Castello. La leggenda narra che Attila, dopo aver saccheggiato Aquileia nel 452, avesse ordinato ai suoi soldati di creare un’altura trasportando la terra negli elmi, per poter ammirare le fiamme dall’alto. Visiteremo. Piazza della Libertà, definita 'la più bella piazza veneziana sulla terraferma', Piazza Matteotti con i portici, le botteghe, i tavolini dei bar all'aperto, il Duomo, via Mercatovecchio e ci ristoreremo mangiando dell’ottimo 'frico' annaffiato dal buon vino in qualche osteria tipica. Continueremo il nostro viaggio tra i castelli e i borghi, a pochi chilometri da Udine raggiungendo la collina di Santa Margherita del Gruagno occupata da un borgo medioevale al cui centro spicca l’edificio della pieve. Da qui a Moruzzo, si possono ammirare due manieri ben conservati, i Castelli di Brazzacco superiore ed inferiore e poi proseguire per il pittoresco Castello medioevale. di Cassacco. Con una breve deviazione si può vedere il Castello di Zegliacco. Da Cassacco non siamo lontani dal castello di Colloredo di Monte Albano di origine trecentesca, dimora per qualche tempo di Ippolito Nievo. 

Proseguremo per il Castello di Susans e poi lungo una tortuosa strada giungeremo al suggestivo Castello di Ragogna posto su un’altura che domina la vallata e il fiume Tagliamento. Da qui scenderemo a San Tomso località, nota per la Chiesa di San Giovanni della Commenda dei Templari, antico ricovero per i pellegrini che percorrevano la via d’Allemagna. Siamo molto vicini alla bella cittadina di San Daniele famosa per la sua Biblioteca Guarneriana, il Duomo e patria dell’ottimo prosciutto che potremo degustare in una delle tante trattorie locali. Solo 5 km e giungeremo al Castello di Rive d’Arcano dalla fisionomia medioevale e di lì a poco saremo a Fagagna con i resti del suo Castello posto su una collina da cui si può godere un bellissimo panorama circolare. Visiteremo anche il Museo della vita contadina di 'Cjase Cocèl'. 

Da Fagagna a Villalta e il suo Castello, uno dei più tipici e meglio conservati del Friuli il passo è davvero breve. La lunga giornata si concluderà col rientro a Udine. Punteremo verso le montagne e dopo la visita al medioevale Castello Savorgnan di Artegna distrutto dal terremoto ed interamente ricostruito, faremo tappa a Gemona col suo famoso Duomo. Poi arriveremo ad uno dei borghi più belli del Friuli e d’Italia: Venzone città medioevale interamente cinta da mura, risalente al 1200, ora interamente ricostruita. E’ nota per le sue case in pietra, il suo Duomo, il Battistero, il Palazzo comunale, le mummie. 

Ci sposteremo da qui verso il borgo rurale di Toppo con i suoi 'masi' (case rurali) e la borgata di Pino dove spiccano gli imponenti resti dell’antico castello. A Toppo si può mangiare il formaggio salato della Val Cosa. A 13 km da qui giungeremo a Pofabbro un delizioso borgo dalle case in pietra e dai balconi in legno, un luogo senza tempo e passando per Spilimbergo dedicheremo una breve visita a Valvasone che mantiene intatto il suo aspetto medioevale con l’imponente castello, il duomo dallo splendido organo veneziano del 500. Rientreremo in serata a Spilimbergo. Di buon mattino visiteremo la città famosa per la scuola dei mosaicisti ma anche per le Torri, il Castello, il Duomo, il famoso borgo, l’abbazia benedettina del VII secolo. 

Da Spilimbergo dopo 70 km raggiungeremo le comunità di Erto e Casso, i 2 paesini caratterizzati da un’architettura spontanea in pietra locale dal tipico colore rosato, sorgono sulle pendici opposte della frana del Monte Toc. Dopo la visita alla diga del Vajont scenderemo verso sud a Polcenigo borgo suggestivo per le sue case del 500-600, i resti del castello medievale, le chiese in uno scenario naturalistico di grande effetto con le sorgenti del Livenza e del Gorgazzo. Se il tempo ce lo consentirà potremo visitare con un barchino il sito Palù del Livenza, il più antico insediamento palafitticolo del Friuli, dal 2011 patrimonio dell’Unesco. Termineremo la giornata a Sacile definita "Giardino della Serenissima" per la sua architettura dagli eleganti palazzi cinquecenteschi in stile veneziano che si specchiano nel Livenza. 

L’ultimo giorno lo dedicheremo alla visita di una delle perle del Friuli: Aquileia, una delle città più fiorenti dell’Impero Romano. Un gioiello di arte e di architettura religiosa, la città vanta una splendida area archeologica (foro, sepolcreto, porto fluviale, abitazioni antiche), che noi ammireremo, soffermandoci in particolare sulla Basilica paleocristiana e i suoi magnifici mosaici pavimentali del IV sec. 

Potremo concludere la visita nei 3 Musei dedicati ai reperti archeologici. Attraverso un ponte raggiungeremo l’isola d’oro di Grado sospesa tra la terra e il mare. Decideremo se dedicare le nostre ultime ore rilassandoci in una delle spiagge dorate o visitando il suo patrimonio storico e artistico. Rientreremo a Trieste per la partenza.

Alcuni Castelli sono visitabili solo dall’esterno, per altri va prenotata la visita e/o consultato l’orario stagionale di apertura.

 Castello di Valvasone
Castello di Valvasone
 Castello di Rive d'Arcano
Castello di Rive d'Arcano
NB: La sezione "Itinerario e Redazionale" costituisce un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori. Costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi proposti da Viaggi nel Mondo.
Materiale di viaggio
Approfondimenti e social
Libreria dell'Angolo dell'Avventura LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Entra nella nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio.
Altri viaggi simili