Camerun Raid 2004


Autore:

Marco Gumina


Ormai ho deciso………. bianco sono nato e bianco voglio rimanere, quindi rifuggo il sole. Ecco perché mi ritrovo alle 5 di mattina presso l’ aeroporto di Douala, sotto una pioggia battente che assomiglia però ad una doccia calda non richiesta. L’ umidità è altissima anche per un “Padano “ come me. I giorni successivi sono caratterizzati da cielo grigio e rovesci, che si presentano con puntualità svizzera (mattina presto e tardo pomeriggio). Quando esce il sole il caldo e l’ umidità si fanno sentire con violenza. Douala è una grande città, disordinata e pericolosa la notte. Il kit del turista nottambulo (come il sottoscritto) prevede soldi contati in tasca, fotocopia dei documenti e una discreta prontezza di riflessi ( caso mai ci fosse da scappare !), inutile aggiungere che è obbligatorio o quasi muoversi in taxi, le passeggiate possono causare spiacevoli incontri. La dogana e altre formalità ci costringono a restare 4 giorni. Infine partiamo ! La prima meta è Bafoussam, che raggiungiamo sotto un vero e proprio diluvio, ma immersi in una lussureggiante vegetazione. Decidiamo di non visitare la zona della Ring Road per i forti temporali in corso e procediamo per Banyo. Inizia la pista di terra rossa fiancheggiata dalla foresta, questa sarà una costante per il resto del viaggio. La terra rossa è una fedele amica quando è secca mentre diventa traditrice quando piove. Lo sperimento rapidamente, seguito dagli altri partecipanti, esibendomi in una derapata con happy end in un fosso che mi accoglie a braccia aperte. Momento di terrore perché vengo sfiorato da Alessandro che ci regala una elegante curva in contro sterzo (non voluta) e si arena poco più avanti. Quest’ anno ho adottato un leggero monocilindrico, vetusto ma efficace, con il quale il divertimento sui terreni fangosi e sabbiosi è assicurato. Il giorno successivo la pista diventa sempre più affascinante mentre procediamo verso Ngaounderè, e finalmente arriva il sole, “season break” come dicono i locali. Il paesaggio è una esplosione di colori, piante verde smeraldo, fiori gialli e terra rossa contro il cielo azzurro, l’ Africa continua ad incantarmi. Dopo Ngaounderè ritroviamo l’ asfalto fino a Garoua dove incontriamo la nostra guida Ya-Ya, nato in Chad. Da Garoua proseguiamo per Roumsiki, il paesaggio diventa sempre più verde, la pista corre lungo il confine con la Nigeria segnato da imponenti montagne di pietra nera. Il tempo ha levigato questi massi, che sembrano tanti panettoni giganti lanciati in un bosco immenso. Roumsiki ci accoglie con la nebbia, entriamo nei toukoul del Petit Paris. L’ albergo è bello, peccato che un temporale abbia interrotto l’ erogazione di energia e la illuminazione sia affidata alle torce e ad una lampada a petrolio. Fantastica cena a lume di candela presso il “Don Chsciotte” con pane fatto in casa e squisite salse. A Mokolo vediamo il primo mercato, in questi mercati le merci non hanno nulla di particolare ma sono le donne, vestite con tessuti coloratissimi, la vera attrazione. Il mercato è ovviamente affollatissimo e funge anche da luogo di incontro per i locali, che si scambiano le ultime notizie. Poi il mercato di Tourou, dove le donne indossano i tradizionali copricapo ricavati da zucche , anche qui corriamo lungo il confine nigeriano e riesco a fotografare un villaggio “oltre cortina”. Proseguiamo per Mora, Alex il “capo” si infortuna e dobbiamo caricarlo sulla macchina, la pista è in assoluto la più bella incontrata, guadiamo 3 fiumi, in piena per le piogge. Il primo guado si presenta al tramonto con fondo sabbioso e sponde in terra rossa; splendido. Ci cimentiamo nella traversata, motore su di giri e via. La corrente nel secondo guado è abbastanza violenta e sommata alla profondità dell’ acqua richiede di entrare in velocità pena l’ arresto della moto. Alessandro infatti cade in mezzo al fiume e grazie ad un rapido intervento riusciamo ad impedire che la moto “beva”. Incontro una ragazza bianca in bicicletta con il casco e mi fermo sorpreso; è una volontaria americana in Africa da 2 anni. Facciamo due chiacchiere, in attesa delle macchine, e poi via verso Mora dove dovrebbe esserci l’ ospedale per visitare lo sfortunato Alex. Arriviamo con il buio il medico consiglia di recarsi a Maroua dove l’ ospedale è più attrezzato. Mettiamo Alex a letto, il giorno dopo proseguirà per l’ ospedale con una guida, mentre noi visitiamo la casa reale del capo di Oudijlla. Uno dei figli ci accompagna attraverso la sale , le pareti sono in terra ed il luogo buio, il numero delle mogli infinto la più giovane ha 24 anni la più vecchia 84. Terminata la gita ci affrettiamo verso Maroua dove incontriamo Alex. La scienza medica ha deciso che, a parte qualche contusione, non ha nulla di grave e quindi può proseguire come passeggero a bordo dell’ auto, la moto è da dimenticare e terminerà il viaggio nel cassone del pick up. Un lungo viaggio ci porta a Wangay al confine con la Nigeria. Il percorso è per metà asfaltato ( che noia) e per metà si snoda lungo una pista che costeggia la riserva di Faro. Questa è vera Africa; incontriamo pochi villaggi e la gente ci guarda stupita, il rumore delle nostre moto sovrasta minaccioso quello delle minuscole moto guidate dai locali. Un cartello ci avverte che la pista può essere attraversata dagli elefanti e più avanti un branco di scimmie abbandona la pista pigramente per lasciarci passare. Una lunga lingua di sabbia bianca, fiancheggiata dagli alberi verde smeraldo ci consente di correre a gas spalancato fino a ritrovare il terreno duro. La pista presenta diversi dossi, in prossimità dei torrenti che si formano con le piogge , per noi diventano trampolini di lancio delle moto in una gara di cross un poco fuori luogo, ma tanto non c’ è nessuno in giro ! E poi arriviamo a Wangay dove, citando Eco ed il suo Il Nome della Rosa “hic sunt leones”, oltre qui il nulla. Ci accolgono alte montagne di roccia nera coperta di fitta vegetazione, spunta una lunga formazione rocciosa a forma di torre che sembra essere il ricordo di antichi culti, mente è solo uno scherzo della natura. Il villaggio è piccolo, piantiamo le tende nel cortile di un gruppo di case, a fianco della moschea, sul cui minareto si rifugiano, per trascorrervi la notte, alcuni pavoni. Il villaggio è privo di elettricità e acqua corrente, la prima si ottiene, pagando il pieno di un gruppo elettrogeno la seconda si procura con una pompa dal pozzo. Per lavarci usiamo il ruscello, gonfio per le piogge recenti. . Da Wangay partiamo per un trekking di 2 giorni che ci porterà a visitare alcuni villaggi di contadini dove le donne portano un perizoma di foglie e fumano la pipa. Non esistono sentieri e si passa attraverso la fitta vegetazione, invidio i portatori perché portano delle semplici infradito e si muovono con agilità, mentre io con i miei tecnologici scarponi arranco ! Nei giorni successivi ci portiamo a Ngaounderè, dove mi stacco dal gruppo per alcune ore e visito in solitaria il palazzo del Lamido (il signorotto locale) ed il mercato, mischiandomi tra i locali. Il giorno successivo ritorno con il gruppo al Palazzo, è Venerdì ed il Lamido dopo la preghiera nella Moschea riceve la visita dei notabili locali vestiti con le tradizionali tuniche colorate. La guida che mi ha accompagnato nella visita il giorno precedente, mi riconosce e mi fa conoscere il segretario del Lamido con il quale chiacchiero, nel mio stentato francese. La sera saliamo sul treno che ci porterà a Yaoundè, le moto nel vagone merci, il treno viaggia in ritardo ed i sedili sono scomodi. Però quello che mi affascina di più sono le persone; nel vagone c’ è un continuo passaggio di gente che vende cibo e bevande. Al mattino compare un ragazzo che elargisce una dotta conferenza sulle malattie africane più comuni, tra cui spiccano i vermi intestinali per i quali propone alcune pillole, che vende a tutti presenti. Ad ogni fermata sui binari compaiono venditori di acqua, manioca e mais abbrustolito che corrono avanti e indietro tentando di vendere la propria merce. Da Yaoundè la strada asfaltata ci porta a Douala per imbarcare noi e le moto. Mirco e io conosciamo alcuni locali e ci lanciamo in una serata in disco con musica congolose, ci sono molte ragazze giovani e carine interessate a noi, il turista è sempre ambito in quanto sinonimo di benessere, triste ma è così . Ci regaliamo una Domenica sul mare a Limbe, nella spiaggia del Seme New Hotel. La sabbia è nera di origine vulcanica contornata da palme cariche di noci, il mare è grigio e caldo e si confonde con il cielo, anch’ esso grigio, alle nostre spalle si alza il Monte Cameroun un vulcano che, con i suoi 4000 m sovrasta la zona. Guardo il paesaggio in silenzio, felice di essere ancora in Africa.

Marco Gumina