INIZIAZIONE AL DESERTO NEL DESERTO EGIZIANO ? CON QUALE MOTO ???


SULLE ORME DEI FARAONI CON MOTO ENDURO A NOLO


Data:

20 gennaio 2010


SULLE ORME DEI FARAONI  
CON MOTO ENDURO A NOLO 
OTTOBRE 2010- APRILE 2011
 
ANDIAMO IN EGITTO ???? NEL GREAT SAND SEA..IL GRANDE MARE DI SABBIA??
Stefano Turchi
nostro coordinatore e  partecipante  a ben 3 edizioni del Rally dei Faraoni  ha messo a punto il nostro programma e  sara' "testimonial" di questa nuova edizione di Iniziazione al Deserto. Ci accompagnera'  con la solita grinta di "Cinghialone Maremmano" sulla base della sua preziosa esperienza, maturata  su quelle sabbie infinite, ha elaborato  questo programma:

 


                                                


Dopo le mie tre partecipazioni al Rally dei Faraoni, Vittorio, mi ha espresso l’intenzione di portare, le moto a noleggio, per la stagione 2010/2011,
in Egitto, per proporre nuove avventure e itinerari !!!!
Ho cercato di fare tesoro delle mie esperienze al Rally dei Faraoni per approntare un itinerario alla portata di tutti, molto vario, bellissimo, e fondamentalmente ….. molto affascinante !!!
Il tutto si snoda lungo l’asse Baharia – Siwa, costeggiando il Deserto Bianco, che purtroppo con la costituzione del parco naturale si può solo lambire, e con il Grande Mare di Sabbia che dall’oasi di Siwa arriva fino alla Libia.
Si attraverseranno paesaggi molto vari, bellissimi, con continui cambiamenti di terreni, sabbia, montagne, e distese interminabili, per arrivare all’oasi di Siwa, una vera perla del Deserto, contornata da un enorme lago salato e dalle fantastiche dune del Grande Mare di Sabbia !!!!!
Altra piacevole peculiarità dell’oasi, la possibilità di farsi un bel bagno caldo
nella Fonte di Cleopatra !!!!
Dopo più di venti anni di Raid nel Deserto Africano, quello Egiziano mi era rimasto un po’ sconosciuto, vuoi per la lontananza, la vastità, e le difficoltà burocratiche per l’ingresso delle moto, ma vi posso garantire che un Raid così strutturato può essere considerato “ al Top “ per una esperienza nel Deserto sia per il neofita che per il pilota esperto.
Con una logistica Egiziana , comoda, ben organizzata e relativamente facile per il Deserto, con buone strade di collegamento per eventuali problemi e inoltre la possibilità di abbinare visite ai numerosi siti archeologici.
Qui sotto trovate un itinerario schematico del Raid.
Quindi …… non resta che partire ……” On the road again forever ” !!!
Stefano Turchi

 


     

INIZIAZIONE FARAONI RAID
Raid con moto enduro a nolo sulle orme dei Faraoni
nel Grande Mare di Sabbia del Deserto Egiziano
9 giorni di cui 7 di guida in pieno deserto – Itinerario di circa 1300 km di pista. 
PROGRAMMA DI MASSIMA 
1°  GIORNO

ITALIA CAIRO Partenza dall’Italia e arrivo nel tardo pomeriggio
Trasferimento in minibus alla base di BAHARIA
Oasi oramai facilmente raggiungibile su un buona strada asfaltata si trova ai margini del grande serto occidentale, in particolare del fantastico Deserto Bianco co i caratteristici funghi di pietra bianca erosi dal vento.
Cena, briefing e pernottamento in alberghetto
Bahariya, latitudine: 28-20N, longitudine: 28-54E 
TOTALE IN MINBUIS  KM 332 
2° GIORNO

 Preparativi e partenza per l’ oasi di SITRA.
Nel deserto si nascondono i paesaggi più suggestivi e grandiosi: imponenti cordoni di dune e piane sabbiose a perdita d’occhio e struggenti oasi disabitate.
Colazione in albergo prima della partenza
Itinerario di massima nel deserto a nord della strada per Siwa. 
Primo  Campo nel deserto. Pranzo fornito al sacco e cena al campo. 
Circa Km 220 Pista e fuoripista
3° GIORNO

 Arrivo all’oasi di SITRA. Una depressione che nell'era quaternaria era un fondo marino si presenta oggi come un enorme lago salino fra dune e falesie rocciose di colore biancastro. Le formazioni calcaree, sbriciolandosi per l'erosione, permettono di reperire numerosi fossili.
Itinerario di massima nel Grande Mare di Sabbia a nord della strada Siwa
Secondo Campo nel deserto. Pasti al sacco e al campo.
Circa Km 220 Pista e fuoripista
4° GIORNO
Partenza per l’oasi di SIWA.
Itinerario in pista e fuoripista fino in direzione dell’Oasi di Siwa
Si lambiscono le propaggini settentrionali del Grande Mare di Sabbia . 
Terzo Campo nel deserto. Pasti al sacco e al campo.
Circa Km 250 Pista e fuoripista
5° GIORNO
Puntiamo ora verso l’oasi di Siwa, che ci apparirà come un autentico miraggio, qui nell’antichità sorgeva il Grande Tempio di Ammone o Tempio dell’Oracolo conosciuto in tutto il mondo antico, dove anche Alessandro Magno andò per conoscere il suo destino. Siwa è la più occidentale delle oasi del deserto egiziano (latitudine N29 14 longitudine E 25 32). E’ situata in una depressione tra i 12 ed i 60 metri al di sotto del livello del mare. Il paesaggio è tra i più pittoreschi del Paese: dopo chilometri di deserto, Siwa appare come un "miraggio", immersa nel verde delle sue famose piantagioni di datteri e ulivi e e costellata di ampi laghi salati. L'oasi si estende per circa 82 km tra est ed ovest con una larghezza di circa 9 km.
Arrivo all’oasi di SIWA nel primo pomeriggio. Pranzo al sacco.
Visita e bagno alla pozza di Cleopatra.
Pernottamento in alberghetto e cena in ristorante.
Circa Km 200 Pista e fuoripista
6° GIORNO
 Anello SIWA - SIWA 100% Sabbia !!! ..Speciale Avventure
Un susseguirsi di dune che formano uno dei più estesi deserti del mondo: il “Grande Mare di Sabbia”. Si guida tra sabbia e dune dalle diverse forme e sfumature che si rincorrono ed intrecciano una con altra. E tra le dune spendiamo questa giornata indimenticabile lontano da ogni pista: qui solo un occhio esperto sa scegliere il tracciato da seguire individuando quelle dune che, per la loro conformazione o le caratteristiche della sabbia, consentono il passaggio delle nostre moto . E al tramonto rientriamo all’oasi di Siwa.
Si parte con il minimo indispensabile per il deserto. Pranzo al sacco. Al rientro, possibilità di farsi un altro bagno alla fonte di Cleopatra prima di cena.
Pernottamento in alberghetto e cena in ristorante.
*Le tappe del Rally dei Faraoni sono state di km 360 nel 2007 e di km 390 nel 2008 !!!! Noi vedremo quanti km potremo e vorremo fare.
Pernottamento in alberghetto e cena in ristorante.
Si possono fare tutti i km che si vuole completamente fuori pista nella sabbia vergine, a giocare e passare i cordoni di dune !!! Per poi ritornare velocemente a Siwa
a fine giornata. Un vero parco giochi !!!
7° GIORNO
 SIWA – SITRA Diretto
*Nel Rally dei Faraoni 2008 tappa diretta Siwa-Baharia km 420
Ancora una corsa tra le dune ed ecco l'oasi di Nuwamisa, dal bel lago blu racchiuso in un ricco palmeto. Più ad ovest l'oasi di El Areg, dalla collocazione spettacolare, con grandi guglie rocciose erose dal vento che si perdono in vaste aree di sabbia gialla e si affacciano alla piana che si estende fino alla profonda depressione di El Qattara.
Quarto Campo nel deserto. Pasti al sacco e al campo.
Itinerario di massima a sud della strada di Siwa .
Circa Km 210 Pista e fuoripista
8° GIORNO
SITRA – BAHARIA Diretto
*Nel Rally dei Faraoni 2008 Tappa diretta Siwa-Baharia km 420
Quinto Campo nel deserto
Itinerario di massima a sud della strada . Pasti al sacco e al campo.
Arrivo alla base di Baharia ,cena e pernottamento
Circa Km 210 Pista e fuoripista
9° GIORNO
 Partenza di buon mattino dopo colazione per il Cairo, sosta per visita alle Piramidi se i tempi del volo lo permetteranno e trasferimento all’aeroporto per la partenza
ARRIVO IN ITALIA 
TOTALE IN MINIBUS Km 334
 

COMMENTI E SUGGERIMENTI SONO BENVENUTI A :
moto4x4@viaggiavventurenelmondo.it

Ecco le email arrivate:
1)Era ora , conosco quell'itinerario che fu parte de
raid egiziano del 2002 nel Gilf Kebir i posti sono
splendidi , l'aosi di Siwa e' la piu' bella che si possa 
vedere le dune del mare di sabbia sono meravigliose
iscrivetevi in molti , ne vale veramente la pena
Sandro Garavelli
2)n the road again forever.......in Egitto stavolta!!!
Si cambiano scenari. Che meraviglia.
L'aspetto forse più intrigante è che stiamo parlando di un deserto dove si corre uno dei Raid più famosi al mondo, ma comunque un'area poco battuta dal flusso turistico, quindi ancora "vergine", ed il fatto che a consigliarlo sia il "cinghialone maremmano" non può che essere una garanzia.
Quindi che dire.....iniziamo a sognare e programmare la prossima iniziazione.
A proposito, le moto? Sembra essere probabile un cambio radicale. Si vocifera che la Beta possa essere presa in considerazione!!!!
Come già espresso 2 anni fa quando ci fu il dibattito precedente alla scelta delle husky, posso solo dirti di aver provato la Beta (525 anno 2008) e l'ho trovata una gran bella moto; leggera, maneggevole, semplice da usare. Non posso però dir molto circa l'affidabilità.
appassionatamente
Federico Gemignani
3) Che meraviglia, spero proprio si possa realizzare , questo itinerario è nella mia mente da tempo e da tempo stavo aspettando questo momento ... Bravo Kulczycki e grazie mille per l'ennesima opportunità che offri a tutti noi " motociclistiviaggiatori " incalliti !!!!!!!!
....On the road again forever ...
Ciao Marna