/*
Torna all'homepage

OMAN DESERT OFF ROAD
Continua la nostra grande avventura "Iniziazione al deserto" con le nostre Beta 430 a nolo che vi aspettano tra le rosse sabbie del Rub’ al Khali, il deserto di sabbia più grande al mondo. Un circuito ad anello con partenza da Salalah. Circa 1500km tra la costa e l’entroterra, attraverso sterrati, wadi costieri ma soprattutto i vasti corridoi di sabbia e gli infiniti cordoni di immense dune rosse del grande Rub' al Khali. Un nuovo raid di 10 giorni che realizza un percorso di straordinario interesse motociclistico e naturalistico. Un grande ritorno in quei deserti di sabbia che hanno segnato la storia del Motoclub Avventure nel Mondo.
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA10 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOda ottobre a marzo
PERNOTTAMENTIalberghetti, tende e/o tende collettive
TRASPORTIMoto a nolo con mezzo d’appoggio per bagagli ed assistenza. Non occorre avere la patente internazionale.
PASTIcucina da campo e ristorantini
DIFFICOLTA'percorso su sterrati scorrevoli e piste sabbiose sia semplici che impegnative.
VISTI E VACCINAZIONIIl visto d’ingresso si ottiene on line sul sito https://evisa.rop.gov.om/ attenendosi alle seguenti istruzioni: Accedere al sito; Registrarsi come utente; Accedere con il nome utente e password; Richiedere il visto e fare il pagamento. Il passaporto deve avere una validita residua di almeno 6 mesi dal momento dell’arrivo nel Paese, non deve contenere visti per Israele.
COORDINATORIVittorio KULCZYCKI - Tel. 06-53293401
Alessandro KULCZYCKI – Tel. 06-53293466
Federico GEMIGNANI - Tel. 3939922090
Alberto SOLDAVINI - Tel. 3351375022
Piefrancesco BARBA Tel. 3474070271
Paolo TULLINI - Tel. 3355615846
Antonella MENCARELLI - Tel. 3394359330
Mario BOERO - Tel. 339.40.95.287
Assistenza Tecnica in corso di viaggio Frodo CASARINI Tel 339 3363920

TROVA SU FACEBOOK GLI SPLENDIDI SCONOSCIUTI
CHE POTRESTI INCONTRARE IN VIAGGIO
Vuoi conoscere i tuoi compagni di viaggio o chi ha simili interessi e parlare di moto e deserti? Segui la nostra pagina ufficiale su Facebook:
https://www.facebook.com/iniziazioneafricaaustrale/
Condividi
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
      

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Viaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
OMAN
OMAN

MAIL Clicca sul logo qui sotto per inviare questa scheda viaggio ad un amico

VIDEO RACCONTI Clicca sull'icona per visualizzare un video su questo viaggio
     
    

zainetto Ferrino - maglia Desert

     
RELAZIONI

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE E LE CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE
NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
Da ROMA MILANO VENEZIA per moto EUR
2.360
Da ROMA MILANO VENEZIA al seguito EUR
1.960
Riduzione per le motocicliste EUR
100
Supplemento alta stagione per le partenze del 23 e 30 Dic
EUR
180
LA QUOTA COMPRENDE per i piloti moto il trasporto aereo, il noleggio di una moto Beta 430 enduro per 8 giorni (esclusa la benzina),  l’assistenza di veicoli fuoristrada di appoggio con autista, il trasporto del carburante dove necessario, le tende e il materassino (occorre  portarsi il sacco a pelo); per eventuali accompagnatori al seguito il trasporto su auto 4X4 di appoggio; i due pernottamenti in hotel (primo ed ultimo giorno), i trasferimenti dall'aeroporto di Salalah all’albergo (base logistica);  l’equipaggiamento per la cucina da campo, tutti i pasti (tre al giorno) durante i giorni del raid con cuoco ed aiutante al seguito, l’acqua per tutta la durata del raid, l’assistenza meccanica e di tecnica di guida di Frodo Casarini (il piu grande esperto di raid motociclistici nel deserto), durante il raid, la polizza infortuni Generali e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze e delle maggiorazioni facoltative di copertura assicurativa).
Inoltre, a tutti i piloti sarà distribuito il seguente materiale:



- Zainetto da utilizzare sempre in corso di raid, per piccola scorta viveri, fotocamera, acqua etc.



- Maglietta da moto a maniche lunghe, in poliestere del Moto Club Avventure

Bagaglio: La compagnia aerea permette 1 bagaglio da 30kg per ogni partecipante. In ogni caso si prega di limitare al massimo il peso, per non caricare troppo le auto di appoggio
LA QUOTA NON COMPRENDE Gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE. 


CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
150
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO


Torniamo finalmente ai nostri grandi deserti, che in passato hanno visto oltre 2000 motociclisti italiani partecipare alla nostra "Iniziazione al Deserto". Inizia cosi una nuova grande avventura per le nostre Beta 430 che tornano con le ruote sulla sabbia tra le immense dune del grande Rub' al Khali. Dopo la selvaggia Africa, tra Botswana, Lesotho, Sudafrica e Tanzania torniamo a scoprire il deserto di sabbia piu grande del mondo.




                       
Partiamo in volo la sera dall’Italia per arrivare in tarda mattinata a Salalah, importante città portuale a sud dell’Oman nonché punto di partenza del nostro raid. Una volta recuperate le valige saliamo sul nostro pulmino e ci avviamo al vicino albergo. Incontro e briefing pomeridiano sul nostro raid, le moto e le esperte nostre guide locali. Finalmente andremo a conoscere le nostre 14 rosse e fiammanti Beta 430 Enduro. Si parte per un breve giro attorno a Salalah, il tempo di prendere un po' di confidenza con le nostre nuove compagne di viaggio. L’indomani si parte, risaliamo le montagne del Dhofar su un piacevole ma inevitabile tratto di asfalto, prima di imboccare il nostro primo sterrato per attraversare un’area desertica e sassosa. Attraversiamo l’area di Mudayy e continuiamo sempre verso nord. All’orizzonte in lontananza ecco apparire gli immensi cordoni dunali del Rub’ al Khali, che chilometro dopo chilometro vedremo avvicinarsi ed ingigantirsi sempre di più. Arriviamo ad Ubar dove faremo tappa, ormai alle porte del grande deserto, ultimo luogo in cui potremo rifornirci di benzina per i prossimi 3 giorni.





Una breve tappa di rifornimento ed eccoci di nuovo in sella, pronti ormai ad immergerci nella sconfinata vastità del Rub’ al Khali (il cui nome significa proprio “il quarto vuoto" o "Empty Quarter”..il nulla). Si tratta del più grande erg di sabbia al mondo, in gran parte ancora totalmente inesplorato e disabitato, e con una superficie di circa 650,000 km2.  È formato da un’infinità di immense dune di sabbia rossa, alte fino a 250m ed oltre, un vero e proprio paradiso naturalistico e, per noi, anche motociclistico. Trascorreremo al suo interno 4 giorni spettacolari in totale libertà e solitudine. Giorni fatti da chilometri e chilometri di guida tra  gigantesche dune rosse che spesso avremo modo di risalire e scavalcare. Ma saremo noi insieme alla nostra esperta guida omanita, a decidere dove andare e quanti chilometri percorrere. Gli spazi qui sono infiniti.. Saranno indimenticabili le chiacchierate serali attorno al fuoco quando faremo i nostri campi sotto ad imparagonabili cieli stellati e le tante altre emozioni e momenti che difficilmente possiamo qui descrivere a parole.  



Dopo piu o meno quasi 600 fantastici chilometri, usciamo da quella stupenda area rossa del Rub al’ Khali fatta di immense dune e sabbia compatta che i locali chiamano appunto “red desert”. Entriamo invece in quella sottile e periferica area del deserto chiamata “white desert” che è invece composta da un susseguirsi infinito di piccole dune bianche e di sabbia estremamente soffice e sprofondante, potenzialmente un vero inferno per moto e soprattutto 4x4 che vi entrano in maniera sprovveduta. Grazie alla nostra esperta guida omanita, riusciremo facilmente ad attraversare questo breve lembo sabbioso, evitando le aree più difficili, per arrivare nelle vicinanze di Muqshin dove, oltre a fare campo, ritroveremo anche la benzina. Lasciamo definitivamente alle nostre spalle le dune del Rub’ al Khali, ed entriamo in un ambiente sempre desertico ma ora pianeggiante. Su sterrati scorrevoli, sabbiosi e sassosi, attraverseremo per intero l’altopiano interno dell’Oman fino ad arrivare a ridosso della costa, incanalandoci poco prima all’interno del bellissimo wadi Shuwaymiyyah che si insinua tra le montagne costiere e dove faremo anche campo. Siamo in un ambiente ora totalmente diverso, fatto da rilievi montuosi, vallate sabbiose, wadi e bellissime spiagge, il tutto a ridosso del Mar Arabico.                                                               
Una volta tornati sulla costa ripercorrendo il wadi, per evitare il più possibile l’asfalto cercheremo di percorrere le bellissime piste sterrate che corrono lungo la strada principale. Dopo un ultimo inevitabile tratto di asfalto eccoci arrivare a Hadbeen beach, dove avremo modo di fare campo proprio a ridosso del mare. Siamo ormai a fine viaggio e non ci resta che effettuare l’ultima tappa che ci riporterà a Salalah. Cercando sempre di evitare al massimo i chilometri su asfalto, piste sterrate ci porteranno a Mirbat, nelle vicinanze del quale ritroveremo alcuni cordini di dune sabbiose litorali sulle quali potremo perderciper qualche ultima evoluzione sulla sabbia. Potremo infine imboccare wadi Darbat prima di ritrovare un ultimo breve tratto di asfalto che ci porterà prima al sito archeologico di Khor Rori ed infine a Salalah. Rientrando a Salalah scopriremo che non è solo una città portuale, ma anche un importante località balneare, famosa per le sue belle spiagge che si affacciano sul Mar Arabico, le sue acque cristalline che pullulano di vita marina, e la catena montuosa del Dhofar che la circonda e protegge dall’entroterra. Lasceremo qui le nostre moto prima di ritornare brevemente nel nostro albergo dove potremo rilassarci per qualche ora prima di prendere il nostro volo serale che da Salalah ci porterà in l'Italia.

Giorno Itinerario Km (circa 1500 tot.)
1 Partenza Italia  Volo
2 Arrivo a Salalah (briefing pomeridiano e breve giro attorno a Salalah per prendere conoscenza delle nostre moto) -
3 Salalah - Mudayy – dintorni di Ubar. Attraversamento delle montagne del Dhofar e dell’altopiano desertico omanita fino alle porte del mitico Rub' Al Khali con le sue prime grandi dune. 270
4 Rub’ al Khali (terzo campo). Liberta di percorrenza e spensieratezza totale. Intere giornate di guida tra maestose dune rosse e sabbia. Camping sotto a cieli stellati indimenticabili. 100/200
5 Rub’ al Khali (quarto campo). Ancora solo immense dune e sabbia, un paradiso motociclistico. 100/200
6 Rub’ al Khali – dintorni di Muqshin (quarto campo). Ancora sabbia e dune fino all'uscita dal Rub' al Khali con breve percorrenza del "White Desert" periferico. 100/200
7 Muqshin – wadi Shuwaymiyyah. Attraversamento dell'altopiano omanita, dalle dune del Rub' al Khali fino alle spiagge dell'Oceano arabico. Pernottamento in tenda all'interno di un bellissimo wadi che risaliremo con le nostre moto. 300
8 Wadi Shuwaymiyyah – Hadbeen beach. Intera giornata trascorsa su strade e piste litorali, tra le onde dell'oceano arabico, spiagge, dune costiere e massicci rocciosi. 210 
9 Hadbeen beach – Mirbat (wadi Darbat) – Khor Rori – Salalah. Ultimi sprazzi di dune costiere e wadi, breve tappa al sito archeologico Khor Rori e rientro a Salalah. Partenza per l’Italia la sera. 210 
10 Arrivo in Italia volo


L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.