MONGOLIA ALTAI TREK
via Russia, 14 giorni di trek nei Grandi Altai della Mongolia, al confine con la Cina i nomadi kazaki e Tuvani
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA23 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOda Giugno ad Agosto
PERNOTTAMENTIalberghetti, tenda propria, gher attrezzate.
TRASPORTIa piedi, bus, aereo
PASTIcucina da campo con cuochi, case private, ristorantini
DIFFICOLTA'Trekking di 14 giorni facile, quota massima 4000 m (facoltativa)
VISTI E VACCINAZIONIProvvediamo a prendere il visto per la Russia (doppio ingresso, compreso nella quota) e la Mongolia. Inviate con la scheda di prenotazione il passaporto in perfette condizioni con una validità residua di almeno 6 mesi dal giorno di rientro in Italia, 6 foto tessera (è obbligatorio leggere queste istruzioni “CLICCA QUI”, in quanto l’ambasciata è molto rigida sui requisiti richiesti. In mancanza di queste caratteristiche rifiuterà ogni richiesta di visto) ed il modulo di richiesta visto Mongolia SCARICABILE QUI.
Tutta la documentazione ci dovrà pervenire almeno 20 giorni lavorativi prima della partenza; oltre tale limite sarà dovuto un supplemento da 80 a 140 euro a scalare fino a 3 giorni prima della partenza.
L'ambasciata russa prevede che, per l'assicurazione dei partecipanti sopra i 62 anni ci sarà una maggiorazione di 15 euro, sopra i 65 anni una maggiorazione di 30 euro e sopra i 75 anni una maggiorazione di 60 euro.
Il costo del visto Mongolia di euro 66 verrà addebitato nel saldo del foglio notizie definitivo.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Massimo CASTELLUCCI -  Tel. 0543 89288 
Cristina ZORZATO - Tel. 0461-231652
Michele BOTTAZZO - Tel. 3481311462
Claudia ODIARD - Tel. 3494251141
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in MONGOLIA E SIBERIA: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
        

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta    
MONGOLIA
MONGOLIA

CARTE GEOGRAFICHE Clicca sul globo per visualizzare una mappa della zona
     clicca per visualizzare una mappa della zona     clicca per visualizzare una mappa della zona

LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
Entra nel sito della nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio; catalogo completo e acquisto on line

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA e MILANO EUR
2.810
Supplemento alta stagione Estate EUR
225
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo, il quaderno di viaggio, la polizza infortuni e l'assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze) un pacchetto di servizi che comprende: il volo interno a/r, il trasporto in pulmino con autista da Barnaul al confine Russia/Mongolia a/r, in Mongolia il trasporto,tutti i pernottamenti in yurte; durante i 14 giorni di trek il cuoco, cavalli e auto per il trasporto bagagli, una guida mongola. La quota non comprende eventuali pernottamenti a Mosca durante il transito.
LA QUOTA NON COMPRENDE Gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
150
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO


Raggiunta la parte nord/occidentale della Mongolia via terra dalla Russia, siamo nella remota provincia del Bayan-Olgyi, il nostro trek di 14 giorni si svolgerà principalmente nel parco nazionale dell'Altai Tavan Bogd. In quest'area ci sono i veri e unici Grandi Altai della Mongolia, le vette più alte di questa nazione; la catena montuosa del Tavan Bogd (significa cinque santi e/o vette sacre) si erge al confine tra Mongolia, Russia e Cina; il Khuiten (cima fredda) 4.374 m è la cima più alta di tutta la Mongolia, le altre quattro vette sacre oltre al Khuiten sono Naran (sole), Olgyi(terra), Burged (aquila) e Nairamdal (amicizia) con attorno lo spettacolare ghiacciaio del Potatina lungo 12 km. Per tre giorni del nostro trek saremo in quest'area con la possibilità di salire in vetta al Malchin a 4.025 m., ci sembrerà di non essere in Mongolia, ma forse sull'Himalaya. A questa latitudine le vette sono sempre innevate, proseguendo si arriverà agli incantevoli laghi di Khoton e Dayan con dietro un'altra barriera di cime innevate il Ikh Turgen Uul al confine con la Cina, in quest'area di nomadismo vivono i gruppi etnici dei tuvani e kazaki (musulmani) molto ospitali. Diversi kazaki vengono definiti eaglemen (uomini aquila) in quanto ancora oggi praticano la caccia con l'aquila.
Durante il trekking a parte i 3 giorni che saremo nell'area del Potatina Glacier dove tutti i nostri bagagli saranno trasportati dai cammelli, nei restanti 11 giorni avremo il supporto di mezzi motorizzati per il trasporto dei bagagli e l'occorente per il trek, data la vasta estensione della zona certi tratti giornalieri saranno percorsi con i mezzi per raggiungere le aree più interessanti da percorrere a piedi, per questo lo definiamo facile ma chi ha gambe e fiato ogni giorno alle 6 ore previste di cammino, dato che le giornate in estate sono lunghe può aggiungiere altro trek.
Programma di massima (suscettibile di variazioni).
In volo dall'Italia via Mosca poi volo interno su Barnaul, qui ci attende lo staff russo caricati i bagagli sul bus partiamo subito per Biysk e Gorno Altaisk siamo nella regione degli Altai Sayan della Russia, notte a Aktash, il giorno seguente dopo 2 ore siamo a Kosh-Agash qui ci attende il nostro corrispondente kazako della Mongolia che ci preleva in un'ora siamo a Ulaan Baishint la frontiera fra Russia e Mongolia. Entrati finalmente in Mongolia nello spettacolare scenario dei Grandi Altai mongoli ci dirigiamo a Alkham, qui troviamo già montata la grande yurta con la sua calda stufa dove ogni sera ceneremo, prima notte in tenda. L'indomani inizia subito il nostro trek fra i primi accampamenti di yurte lungo il sentiero che ci conduce a Khukh davaa poi in direzione di Tsagaan Salaa dove troveremo alcuni petroglifici, poi un breve tratto in auto per giungere all'accampamento di yurte presso il controllo di polizia di Eki Asha, qui faremo campo. Alla mattina caricati tutti i bagagli sui cammelli a piedi ci dirigiamo in direzione del Potatina Glacier, subito all'orizzonte lo spettacolare scenario delle vette più alte della Mongolia, in 5 ore circa (chi vuole può salire con un cavallo) siamo ai Prati del Malchin a 3.200 m., luogo magico, il giorno seguente chi se la sente può salire in vetta al Malchin (4.025 m) e godere di una spettacolare veduta, andata e ritorno circa 7 ore. Il quarto giorno dai Prati del Malchin ci incamminiamo costeggiando sempre il Potatina Glacier per poi scendere a Tsagaan gol river, dove  troviamo le yurte dei tuvani, che visiteremo e sulla riva opposta del fiume Tsagaan (fiume bianco) per il campo ritroviamo la nostra comoda yurta e i mezzi. Siamo nell'area dei tuvani e per due giorni il nostro trek sarà lungo il fiume Tsagaan con attorno il promontorio del Shiveet Khairkhan con le sue particolari striature per giungere al Hag lake. Il settimo giorno di trek lungo continui aridi scenari ci porterà ad arrivare a Mogoit luogo misterioso col suo antico cimitero, faremo campo lungo un torrente che ci permette anche un bagno. Entriamo nell'area dei laghi il primo sarà il Khoton, qui merita la sosta di un giorno  in quanto lungo le sue sponde troveremo diverse yurte di kazaki molto ospitali che ci inviterammo ad entrare dentro per offrirci latte, yogurt, formaggi e altro con l'invito a sederci e cercare di scambiare qualche parola e spiegarci che la parola kazako significa uomo libero, mentre fuori gli uomini stanno sfalciando l'erba nei prati; vicino al lago Khoton visiteremo i petroglifici di Biluut. Il decimo giorno di trek lasciamo il lago Khoton lungo il nostro cammino su  dolci pendii sempre accampamenti di yurte e troviamo i balbal stele di sasso che raffigurano antichi guerrieri risalenti al periodo turco, il campo serale sarà lungo le rive del fiume per un rilassante bagno a Ydoig, dopo cena saremo invitati a visitare l'insediamento locale fatto di case di legno, il giorno seguente dopo aver camminato lungo dolci vallate con yurte arriviamo al Dayan Lake, luogo molto rilassante con uccelli acquatici; dodicesimo giorno il trek sarà in un'area più arida e rocciosa incontremo sempre nomadi al pascolo e campo sulle rive del Khar Nuur (lago nero) a 2.515 m, quando giunge il tramonto l'acqua del lago si tinge di nero; tredicesimo giorno di cammino attraverseremo la spettacolare valle di Khargant con  tante yurte qui in qualche yurta troveremo pure le famose aquile che servono per la caccia, questi animali fanno parte della famiglia, curate e riverite, poi incontremo pitture rupestri, saliti in auto ci dirigiamo in un'altra stupenda vallata circondata dai monti innevati del Tsengel anche qui stazionano in estate nomadi kazaki alcuni di essi eaglemen, alla sera saremo loro ospiti nelle yurte, il luogo meriterebbe una sosta di un giorno.
Quattordicesimo e ultimo giorno di trek dalla valle del Tsengel dove circolano continue mandrie di capre, cavalli, bovini, iniziano il nostro cammino con visita alle yurte sparse nell'area, saliamo al passo per un'ultima vista sulla valle poi ripida discesa e per il lunch troviamo i nostri mezzi, il trek è concluso, raggiungiamo l'area di Sagsai sulle rive del fiume facciamo campo e poi con i mezzi andiamo a circa una decina di km a vedere altri balbal. Il giorno seguente in auto visitiamo il villaggio di Sagsai lungo la via che conduce a Ulgyi, nel pomeriggio siamo a Ulgyi il centro più importante della regione (ogni anno a Ulgyi -11/12 luglio si tiene il Kazak Naadam-), visita della cittadina e dell'interessante museo locale, notte presso le yurte attrezzate (doccia calda) del nostro corrispondente, in serata festa di commiato con un concerto di danza e musica locale, pure noi saremo invitati a ballare e cantare.Il giorno seguente di prima mattina si parte verso il confine che dista circa 130 km a Ulaan Baishint ancora con le vetture mongole proseguiamo fino a Kosh-Agash qui già in territorio russo, salutiamo definitivamente la staff kazako/mongolo che ci ha seguito, ritroviamo il bus e autista russo dopo un'ora siamo a Aktash  il tempo di deviare per 3 km e vedere lo spettacolare scenario di roccia rossa del Krasnyye Vorota, breve passeggiata,  nuovamente lungo la strada fatta all'andata sosta a Maly Yaloman in questa dolce vallata il suo microclima permette la coltivazione di ciliege e mele, dopo il passo la notte sarà a Onguday, il giorno seguente giunti a Ust Sema deviamo a destra per immetterci nella Katun valley, la strada segue lungo il fiume Katun sosta e visita del caratteristico villaggio di Anos poi siamo a Chemal dove trascorreremo la notte, a Chemal merita di essere visto il monastero di Patmos in una spettacolare posizione dove vivono circa 50 monache poi visita e passeggiata al Canyon Varota Sartikpayev, nel tardo pomeriggio si parte per Barnaul, notte in hotel e la mattina seguente volo via Mosca e rientro in Italia.
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.