K2 QOGIR FENG
Salita al Campo Base del K2 dal remoto versante cinese del Karakorum dello Xinjian. Lo spettacolare spigolo nord del K2
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA30 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOsettembre-ottobre
PERNOTTAMENTITenda fornita dall’organizzazione
TRASPORTIBus e a piedi
PASTICucina da campo e ristorantini
VISTI E VACCINAZIONIOccorre il visto, il costo è compreso nella quota. Inviare il passaporto con 4 foto, è indispensabile scaricare il seguente modulo CINA . Se l’iscrizione perviene negli ultimi 10 giorni dalla partenza inviare passaporto e 2 foto per il visto individuale d’urgenza al costo di 66 EURO. Passaporto valido almeno 6 mesi.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Per informazioni:
Fausto MORONI Tel. 349-1467690

TROVA SU FACEBOOK GLI SPLENDIDI SCONOSCIUTI
CHE POTRESTI INCONTRARE IN VIAGGIO
Vuoi conoscere i tuoi compagni di viaggio o chi ha interesse
ad una eventuale partecipazione, condividere dettagli ed informazioni,
vuoi seguire notizie e approfondimenti, dialogare con i coordinatori
sui viaggi per CINA TIBET E DINTORNI
Chiedi l'amicizia a questo gruppo aperto CINA TIBET E DINTORNI: Avventure …Yes I AM
https://www.facebook.com/groups/447610831996695
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
      

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
CINA
CINA

CARTE GEOGRAFICHE Clicca sul globo per visualizzare una mappa della zona
     clicca per visualizzare una mappa della zona

LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Consulta la nostra libreria e scegli il tuo libro per viaggiare
    

MAIL Clicca sul logo qui sotto per inviare questa scheda viaggio ad un amico

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA e da MILANO EUR
4.600
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo, il quaderno di viaggio (solo se disponibile nella nuova versione), la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), 4 pernottamenti (Kashgar e Yecheng) pasti per 12 giorni (escluso campo bae), permessi, trasporti da Kashgar a Ilik e ritorno, cuoco, guida-interprete, cammelli per trasporto materiali fino campo base, visto.
LA QUOTA NON COMPRENDE gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
450
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
Torniamo a proporre dopo alcuni anni questo avventuroso trekking in una delle aree più sconosciute e meno frequentate della terra e solo recentemente aperta agli stranieri. La sola gente che frequenta questa regione sono piccoli gruppi di pastori Kirghisi con cui verremo in contatto presso i loro insediamenti di yurte. Il primo occidentale ad esplorare la zona fu Sir Francis Younghusband che nel corso della sua epica impresa nel 1887, vide per la prima volta l'impressionante spigolo nord del K2, salendo per il vecchio passo del Muztagh. L'area fu poi esplorata e dettagliatamente cartografata da Eric Shipton nel 1937 ma poi chiusa agli stranieri fino al 1983. Lo spigolo nord del K2, ben 4000 m di roccia e ghiaccio che punta ripido fino alla vetta, fu fotografato per la prima volta nel lontano 1929 dal nostro A. Desio nel corso di una spedizione italiana e fu salito da una equipe giapponese solo nel 1982. Noi ci saremo proprio sotto, salendo al campo avanzato a 5000 m, circa 15 km dal ns Campo Base inferiore (3800m). Migliaia di trekkers ed alpinisti hanno ormai visto i meravigliosi 8000 dal lato pakistano, lungo l'ormai affollatissimo (e diciamo pure inquinato) ghiacciaio del Baltoro, noi saremo invece tra quei pochissimi privilegiati che si avventureranno in questo trek per ammirare il K2, il Broad Peak, i Gasherbrum ecc. da nord dove appaiono ancor più imponenti. Si tratta di una spedizione difficoltosa, impegnativa per l'isolamento, la logistica, il superamento di guadi e gole ecc. La fine dell'estate è il periodo più indicato in quanto che i corsi d'acqua, altrimenti difficilmente superabili in luglio/agosto, hanno una portata più bassa, ma ci avvarremo se necessario dei nostri cammelli che trasporteranno tutti i nostri materiali per 15 gg di completa autonomia. Ma veniamo in sintesi al ns programma:
In volo dall'Italia a Bishkek capitale del Kirghizstan, da dove in un paio di giorni attraverso praterie tra gli imponenti massicci della catena del Tian Shan, raggiungeremo la mitica Kashgar, centro carovaniero di primaria importanza lungo l'antica Via della Seta. Un paio di giorni per visitarne i monumenti e ciò che resta della città vecchia il famoso Mercato crocevia di etnie, e per organizzare la nostra spedizione.
Ci vorranno altri 2 giorni di auto e camion lungo la strada diretta al grande deserto del Taklamakan, transitando per Yenghisar, Yarkand (Shake), Karghalik (Yecheng), Mazar. Da quì una pista ci porterà lungo il fiume Yarkand, poco più avanti a Ilik dove saranno ad attenderci i cammelli della ns carovana su cui caricheremo viveri e materiali. Da qui inizieremo il cammino di 6 gg, risalendo le valli, del Surukwat e del Shakasgam superando alcuni guadi e percorrendo spettacolari gole. Affacciati dal passo Aghil (4870 m) ammireremo lo spettacolo delle vette del Karakorum e del Kun Lun in tutta la loro maestosità. Dal letto dello Shakasgam, risalita una valle laterale, raggiungeremo il Campo Base (3800m) del Qogir Feng (K2) dove piazzeremo il ns campo (loc. Sunghet Jangal). Quì sosteremo 4 o 5 gg dove, oltre che riposare, ci sarà la possibilità di effettuare escursioni più o meno lunghe, ma non mancheremo certo quella difficile al Campo Avanzato sotto al K2 risalendone l'omonimo ghiacciaio per godere di visioni uniche ed indimenticabili. Percorreremo a ritroso il ns cammino per rientrare a Kashgar, soffermandoci lungo il tragitto per una visita delle oasi ai margini del deserto. Ci aspetta ora qualche giorno (facoltativo) al cospetto dei giganteschi massicci del Muztag Ata (7546m) e Kongur (7719m) che raggiungeremo in auto fino allo splendido lago Kara Kul (3600m) pernottando nelle yurte dei nomadi. Potremmo fare, se ne avremo ancora tempo e voglia, qualche escursione nei dintorni o qualcosa di più lungo e impegnativo come ad esempio al Janburak glacier o addirittura al Muztag Ata B.C. (4450m). Dipenderà dal tempo a nostra disposizione e dalla stagione (in autunno la zona è già troppo fredda). Rientrati a Kashgar, gli ultimi acquisti di artigianato e poi di nuovo a Bishkek, da dove sicuramente stanchi ma emozionalmente appagati, rientreremo in volo in Italia.
NOTA: Nel caso di voli via Urumqi il programma subirà qualche modifica nella prima e nell' ultima parte.
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di viaggio scritto e aggiornato dai partecipanti e dai coordinatori su una esperienza di vita vissuta che contiene descrizioni di località, itinerari, ambientazioni culturali, storiche, letterarie ed ha con i viaggi pubblicati un rapporto di semplice informazione geografica e culturale e di suggerimento sull'itinerario da seguire che in ogni caso rimane soggetto alle decisioni del gruppo nello spirito dell'autogestione del viaggio. In considerazione di ciò, non è parte integrante del contratto di viaggio