CAMINO AUSTRAL
La Patagonia Cileno-Argentina lungo le nuove piste transandine, tra i fiordi Cileni, i Parchi e le Ande Argentine lungo la Ruta 40 e il Camino Austral fino a Ushuaia, nella Terra del Fuoco.
Estensione facoltativa all'Isola di Pasqua.
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA23 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOsettembre-aprile
PERNOTTAMENTIalberghetti
TRASPORTImezzi locali, nave
PASTIristorantini
DIFFICOLTA'itinerario intenso
VISTI E VACCINAZIONIConsigliata profilassi antimalarica (debole rischio)
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Per informazioni:
Bruno FOSSAT - Tel. 3357472363
Roberto NATTA – 3332059261
Rita RUGGERI - 070820602
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in SUD AMERICA: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
    

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri UnitÓ di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - SanitÓ - Documenti di viaggio - Visti e valuta
ARGENTINA
ARGENTINA
CILE
CILE

CARTE GEOGRAFICHE Clicca sul globo per visualizzare una mappa della zona
     clicca per visualizzare una mappa della zona     clicca per visualizzare una mappa della zona     clicca per visualizzare una mappa della zona

LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA Consulta la nostra libreria e scegli il tuo libro per viaggiare
    

ARTICOLI, RELAZIONI, RACCONTI Clicca sul libro per leggere un articolo su questo viaggio
     clicca per visualizzare un racconto di viaggio     clicca per visualizzare un racconto di viaggio

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

PARTENZE IN GRUPPO PROGRAMMATE
Codice
Partenza
Ritorno
Prenotati
Offerte/Note
 
6174
26-12-2018
17-01-2019
0
 
6175
28-12-2018
19-01-2019
0
 
6176
29-12-2018
20-01-2019
0
 
6163
05-01-2019
27-01-2019
13
  coord. ROMANO SCHELLINO - 3450457471
 
6068
12-01-2019
03-02-2019
15
  coord. ANDREA MARCHESINI - 3478019458
 
 
6448
26-01-2019
17-02-2019
8
  coord. FABIO GREPPI - 3479270303
 
6456
02-02-2019
24-02-2019
0
 
6070
09-02-2019
03-03-2019
0
 
6227
02-03-2019
24-03-2019
0
 
Clicca sul mese per vedere le partenze programmate
DIC 2018
GEN 2019
FEB 2019
MAR 2019

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA EUR
2.835
da MILANO EUR
2.945
Supplemento dal 28 giu al 21 lug e dal 13 al 31 ago EUR
80
Supplemento dal 22 lug al 12 ago e dal 16 dic al 9 gen EUR
245
Estensione Isola di Pasqua: quota variabile in funzione della compagnia aerea utilizzata comprende solo trasporto aereo
basato su 11 partecipanti e su voli Aerolineas Argentinas
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo nella classe e con voli previsti da Roma e Milano (supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), il quaderno di viaggio (solo se disponibile nella nuova versione), la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), un’ammontare che riteniamo sufficiente a coprire i costi per i trasporti a terra per l'intero itinerario. Le escursioni ed i traghetti sono da pagare in loco con la Cassa Comune.
LA QUOTA NON COMPRENDE Gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
1.100
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed Ŕ gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
Un viaggio splendido, stranamente poco richiesto. Nei 4500 km, che da Bariloche (o Puerto Montt) portano fino ad Usuhaia attraverso la Carretera Austral e la Ruta 40, si assapora fino in fondo l’idea del “viaggio”. La prima parte (Cile, e arcipelago Chiloè) meno conosciuta e meno turistica, è quella che dà di più il piacere della scoperta. La seconda parte, (da El Chalten fino ad Usuhaia) è più turistica ma sempre sorprendente. E’ la natura a dare spettacolo. E’ un viaggio molto intenso, bisogna studiare l’itinerario con attenzione. E’ possibile fare modifiche in corso di viaggio, ma vanno valutate con cura nell’ecomomia generale dell’itinerario.
E' possibile raggiungere Puerto Montt col Cruce Andino de Lagos, costoso ma stupendo, chi non lo vuole attraverserà le Ande in pullman con pochi Euro.
Un’affascinante traversata da nord a sud dedicate ai grandi spazi della Patagonia. L'itinerario si sviluppa lungo due grandi strade statali all’estremo sud del mondo, il Camino Austral cileno e la Ruta 40 argentina, che portano a parchi nazionali e alle montagne della Patagonia. Da P. to Montt, ai villaggi dell'isola di Chiloé, dalle zone rupestri del Rio Pinturas ai parchi nazionali di Los Glaciares, Torres del Paine fino a Ushuaia, nella Terra del Fuoco. In volo dall'ltalia a Santiago e in coincidenza a Puerto Montt con il pittoresco porto di Angelmo e suo il meraviglioso mercato del pesce ricco di mariscos. Porta d'accesso della Patagonia cilena troveremo i mezzi necessari per proseguire sulla Ruta 5 per Pargua dove in 20' di ferry saremo già a Chacao sull' isola di Chiloé. Percorreremo la morbida e verde isola da Ancud al capoluogo Castro, famosa per le sue case su palafitte. Andremo alla ricerca delle antiche chiesette in legno del XVII sec. nei villaggi di Chonci, Quemchi, Delcahue, e poi Achao sull'isoletta di Quinchao. Torneremo dalla parte opposta a Cucao, sull'omonima baia battuta dai venti e dalle tempeste del Pacifico. Infine scenderemo al porto di Quellon, sul golfo Corcovado che attraverseremo in 5/6 ore di ferry diretti a Chaiten. Di qui inizierà la nostra avventura che ci porterà a percorrere la Carretera Longitudinal Austral A. Pinochet, da lui tenacemente voluta e meglio nota come Camino Austral che collega la X regione di Puerto Montt con i villaggi di pionieri dell'XI con capoluogo Coyhaique e ancora più sud con la remota regione dell'Aisen fino a Cochrane. Questa opera, ardita o folle secondo i punti di vista, è stata voluta dal governo per colonizzare le incontaminate regioni dell'estremo sud del Cile, attualmente è l'unico collegamento stradale che attraversa vaste zone boscose e disabitate strette fra i fiordi e la Cordigliera cilena. Seguiremo il Camino Austral da Chaiten a Cochrane. Da qui, costeggiando il Lago General Carrera (lago Buenos Aires) superiamo l'ultimo impervio, ma spettacolare tratto fino al confine di Chile Chico. A Los Antiguos saremo già in Argentina dove troveremo nuovi mezzi per proseguire fino all'anonima città di Perito Moreno da cui parse la Ruta 40 che scende a sud parallela alla Cordigliera cilena. Zona di grandi estancias ovine, dove cercheremo di alloggiare almeno una volta, ci inoltriamo per lo il Rio Pinturas e lo e lo strepitoso Canyon di Cueva de las Manos, un sito archeologico millenario, scrigno della più famosa arte rupestre patagonica. Una lunge tappa ci trasferirà a El Chalten, base da cui faremo, tempo permettendo, le escursioni alla Laguna de los tres del Fitz Roy ed al campo C. Maestri del Cerro Torre. Giunti a El Calafate, ammireremo lo spettacolo offerto dai ghiacciai Upsala, Onelli e Spegazzini con la gita in catamarano sul Lago Argentino. E ancora ci stupiremo davanti al più famoso Perito Moreno. Continuando a sud, lasceremo la R 40 rientrando in Cile da Cancha Carrera per entrare al Parco Nazionale Torres del Paine. Gli aggettivi sono scarsi per decantarne la bellezza: dalle bianche torri granitiche agli aguzzi cuernos che avvicineremo in giornaliere escursioni. Poi il lago Pehoe fino all 'omonimo rifugio, da cui, con una breve sgambata saremo al mirador dell'impressionante ghiacciaio Gray con gli iceberg a portata di mano...Lasciato il parco, popolato fra l'altro da numerosi gruppi di guanachi, arcigni caranchos, nandu e qualche condor, proseguiamo per Puerto Natales e Punta Arenas, trovando anche il tempo per una sosta alla Cueva del Milodon. Da Punta Arenas, traghetteremo lo Stretto di Magellano, diretti a Porvenir. Rientreremo in Argentina alla localita S. Sebastian, attraversando l'lsla Grande del Fuego fino a Rio Grande. Passeremo dal Lago Fagnano e ancora saliremo al Paso Garibaldi prima di scorgere la baia di Ushuaia, con la città piu meridionale del mondo. Immancabile l'escursione in barca sul canale di Beagle per ammirare le colonie di otarie e cormorani sparsi in varie isolette. Un'eventuale escursione a piedi nelle montagne che dominano la città poi il volo per Buenos Aires, con i suoi contrasti dagli eleganti palazzi nelle ampie avenidas, ai popolari quartieri della Boca e S.Telmo così ricchi di storia. Un'ultima parillada e rientro in Italia.

Il viaggio di ritorno potrebbe iniziare da Punta Arenas (Terra del Fuoco cilena) che comporta una variazione di itinerario.

AGOSTO (inverno australe) IN PATAGONIA 
Da una relazione di un viaggio precedente :
"Agosto  per la Patagonia  è il mese più invernale  e le condizioni climatiche che abbiamo riscontrato sono state eccezionalmente  fantastiche ed incredibilmente favorevoli.
 Fare il trek verso il Fitz Roy ed il Cerro Torre con la neve alta oltre 50 cm. e pista da battere è stata un’impresa  indimenticabile, senza pericoli, con lo spirito alle stelle, sempre però controllati – via radio – dalle guardie del parco.
Solo  le Torri del Paine non ci hanno consentito  un’escursione com’era nostra  intenzione, ma i tempi erano limitati ed il livello della neve non consentiva salite azzardate.
Abbiamo anche provato l’emozione delle slitte trainate da cani eccezionali in un paesaggio  da favola ed il giorno di Ferragosto è stato trascorso nel Fiordo di Ultima Esperanza presso Puerto Natales, con cambiamenti repentini di tempo, da nevicate a sole, sole e sempre sole, ma con un vento che a tratti superava i 120 kmh.
Forse è stata la giornata più fredda, ma gradevolissima."


ESTENSIONE ISOLA DI PASQUA
In volo a Santiago da dove, sempre in aereo, raggiungiamo "l'isola per antonomasia", l'ombelico del mondo, il centro dell'energia: Rapa Nui, l'isola di Pasqua. Da Angaroa, unico centro abitato dell'isola, partiremo per l’obbligatoria escursione al vulcano Ranokao e al vicino centro cerimoniale di Orongo. Saltiamo sui cavalli, oggi più facilmente su motorini a nolo e attraversiamo l'isola per tutta una serie di visite, dai Sette Moai alla spiaggia incantevole di Anakena, con le palme, il mare blu e i Moai che montano la guardia, dalla spiaggia rosa di Ovahé al vulcano Rano Raraku, antica cava dei Moai, dove è possibile vedere enormi statue non completate, come se i lavori fossero stati interroti da breve tempo. Completiamo il periplo dell'isola per sentieri impossibili, su un mare d'incanto fino all'orizzonte. Rientrati a Angaroa, il volo di ritorno per Santiago e l'Italia.



L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di viaggio scritto e aggiornato dai partecipanti e dai coordinatori su una esperienza di vita vissuta che contiene descrizioni di località, itinerari, ambientazioni culturali, storiche, letterarie ed ha con i viaggi pubblicati un rapporto di semplice informazione geografica e culturale e di suggerimento sull'itinerario da seguire che in ogni caso rimane soggetto alle decisioni del gruppo nello spirito dell'autogestione del viaggio. In considerazione di ciò, non è parte integrante del contratto di viaggio