SICHUAN-KHAM
la provincia di Kham e le feste d’estate, il primo tratto della Sichuan Road fino ai confini del Tibet
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA23 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOaprile-settembre
PERNOTTAMENTIalberghetti
TRASPORTI4x4 con autista o bus
PASTIristorantini e scorte viveri dall’Italia
DIFFICOLTA'alcuni passi oltre i 4500 m possibilità di strade dissestate
VISTI E VACCINAZIONIOccorre il visto, il costo è compreso nella quota. Inviare il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e con 2 pagine libere consecutive, 2 foto tessera. E’ indispensabile compilare il modulo on-line sul seguente sito (clicca qui), stamparlo, firmarlo e inviarlo insieme alle dichiarazioni a Viaggi nel Mondo, Largo Grigioni, 7 - 00152 Roma.  Le istruzioni, comprensive delle dichiarazioni da compilare, le trovate QUI  Se la documentazione e/o l’iscrizione ci pervengono negli ultimi 10 giorni dalla partenza verrà applicata l’urgenza da parte dell’ambasciata al costo di 66 euro.  
Consigliata la vaccinazione antitifica.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Per informazioni:
Gianni MORES - Tel. 3288116726
Giuseppe MORETTI - Tel. 3460867879
Daniela BERTANZA - Tel. 030-2522654
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in CINA TIBET E DINTORNI: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
    

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
CINA
CINA

CARTE GEOGRAFICHE Clicca sul globo per visualizzare una mappa della zona
     clicca per visualizzare una mappa della zona     clicca per visualizzare una mappa della zona     clicca per visualizzare una mappa della zona

LIBRERIA ANGOLO DELL'AVVENTURA
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE
Entra nel sito della nostra libreria specializzata in viaggi e cultura del viaggio; catalogo completo e acquisto on line

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA e MILANO EUR
2.500
Supplemento alta stagione: Estate EUR
290
quote basate su 11 partecipanti
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo dall’Italia a Chengdu, andata e ritorno, (con voli previsti da Roma e Milano, supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), il trasporto in bus (4x4 con supplemento) per 19 giorni con autista e guida per l’itinerario specificato, il costo del visto, un quaderno di viaggio, la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze). Per ogni altra spesa necessaria alla realizzazione del viaggio in territorio cinese sarà formata una cassa comune gestita dai partecipanti.
LA QUOTA NON COMPRENDE gli eventuali supplementi per carburante e controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE.

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO USD
700
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
Panorami esaltanti con pascoli vellutati di torba, fiorellini e stelle alpine, picchi nevati e ghiacciai, passi altissimi imbandierati di lung-ta (bandierine dei cavalli al vento), tende e nomadi, yak e cavalli, monasteri nascosti da scoprire come gioielli dove si è accolti sempre con calore. La gente è cordiale e semplice. Con un minimo di garbo si può fotografare chiunque e lasciando qualche caramella, penne o minimi regali (molto apprezzate le confezioni trovate nei bagni degli alberghi o qualche capo di vestiario dimesso) si accendono sorrisi radiosi e, se proprio non si ha nulla, basta un cordiale “tashi delek”: il saluto tipico dei nomadi. La gente è ferventemente religiosa e ciascuno è dotato di chokor/korten, mulinello, mala, il rosario di 108 grani, e reliquiari diversi.
Quasi tutti i monasteri sono stati ripristinati con gli stessi antichi metodi usando molto del materiale recuperato mantenendo così un aspetto originale che ha quasi rimosso i danni subiti dall’invasione cinese. Continuano tuttavia i lavori anche per migliorare le abitazioni dei monaci delle quali gli stessi si occupano con pochi attrezzi e molta volontà. Abbiamo avuto modo di assistere ad ogni tipo di cerimonia in qualsiasi ora del giorno.
Il festival di Litang è straordinario per la spontaneità della gente, le sfrenate gare dei cavalieri Khampa, danze e costumi sontuosi ridondanti di broccati, ricami e gioielli. I bordi in pelliccia di leopardo, simbolo di coraggio, sono stati quasi interamente sostituiti poichè il Dalai Lama ha invitato i nomadi a risparmiare i felini che ancora oggi vivono sui monti del Tibeti. Due interi giorni vissuti al festival fra gare, tende e pic nic sono esaustivi anche per i più esigenti. La durata del festival sembra essere di 10 gg, ma è bene arrivare per l’apertura del 1° Agosto. Quest’anno, ci dicono, è stato particolarmente frequentato in quanto l’organizzazione è tornata in mano ai Khampa che non gradivano affatto l’ingerenza cinese già mal sopportata nelle amministrazioni locali.
Dall’Italia a Pechino da dove voliamo a Chengdu. Qui, prendiamo posto nei nostri fuoristrada ed accompagnati da autisti e guida locali, inizia l’avventura nel Sichuan, la terra dei quattro fiumi, regione poco conosciuta alla scoperta delle sue genti e delle feste d'estate che si svolgono nei villaggi. Seguendo la Sichuan Road si attraversa una fertile vallata costellata di fattorie, poi valicato un passo a 3400 metri entriamo nella prefettura di Garzè Zang. A Luding siamo finalmente sull’altopiano dove incontriamo le prime popolazioni tibetane e a Kanding, l’antica Tatsienlou, siamo alla porta di ingresso in Cina per i tibetani. Proseguiamo quindi per Litang posta a 4000 metri di altezza dove ci fermeremo alcuni giorni per l'entusiasmante Yagi festival. I cavalieri Khampa si esibiscono con estrema abilità in gare sfrenate e si assiste a balli tradizionali con costumi sontuosamente ricchi. Il grande accampamento con tende e conviviali pic-nic, è occasione d'incontro per amici, parenti, monaci e...futuri fidanzati. Ripartiamo seguendo la valle dello Yalong attraverso foreste, praterie ed ambienti di tundra alpina. Non si incontrano più città, ma solo piccoli villaggi e accampamenti nomadi dei Khampa, i Docpass, le genti della solitudine come la David – Néel scrisse di loro. Si sale a Xinlong e quindi a Baiyu/Pelyul seguendo il confine con il Tibet. Da Baiyu una breve deviazione ci porta dalla valle dello Yangtze al grande gompa di Katok che domina dalla cima di un colle. Di nuovo in viaggio nello sconfinato plateau erboso dove pascolano le mandrie di yak e capre scortate dai cavalieri Khampa che ora adottano spesso moto sgargianti. Il "mare d’erba" continua infinito fino alle remote regioni dell’Amdo. Superato il passo Cho la a 4600 metri siamo a Dege con il monastero Sakya di Gonchen. Nell'antica stamperia Parkhang, risalente al XV secolo, si conservano 100.000 matrici di legno con cui, seguendo tradizionali metodi di stampa, si realizzano i 330 libri sacri del canone buddista che, come centinaia di anni fa, sono portati in tutto il Tibet. Ci portiamo poi verso il confine del Quinghai attraversando una regione cadenzata da piccoli villaggi e accampamenti nomadi sino a Yushu, l’antica Jakiendo con il monastero della setta Sakya-pa, zona in cui visse per quattro anni Alexandra David - Néel. Ma prima di Manigango ci attendono il vertiginoso passo Tron-la a 5000 mt ed il lago sacro Yilhun Lhatso, incastonato tra le rocce del massiccio Chola e legato alla mitica figura di Re Gesar di Ling. E ancora il monastero nyingma-pa di Dzogchen dotato di shedra o scuola. Il ritorno ci vede sostare nella zona di Kandze, con le sue case di ocra striate in bianco, i campi d'orzo ed i numerosi monasteri, compreso quello femminile di Handhi, un eremo sulla valle dello Yalong dove vivono circa 60 nuns, monache. Poi la cittadina di Luhuo, con il monastero di Drangho, i centri di Dawu e Danba, zona di etnia gyarong con singolari torri in pietra alte decine di metri un tempo a guardia e difesa delle valli. Lasciati gli ultimi pascoli verdi ed accampamenti Khampa, non ci perdiamo il Parco di Wolong, dove vivono numerosi i panda, protetti nella più grande riserva cinese sotto il monte Siguniang in una grande area di 200.000 ettari che annota 400 tipi di piante diverse. Arrivati a Chengdu, c'è la possibilità di un'escursione facoltativa al Grande Buddha di Leshan, un colosso di 71 mt iniziato nel 713 d/C ed una puntata al monte sacro di Emey Shan, cosparso di monasteri e templi in intricati circuiti fra una folta vegetazione tropico-alpina.
I più pigri possono dedicarsi ai templi buddisti e taoisti di Chengdù con ultimi acquisti al mercatino di Qing Shi Jao prima del volo per Pechino da cui proseguiamo per l’Italia.

ITINERARIO DI MASSIMA (soggetto a variazioni)

GIORNI ITINERARIO
MEZZI/KM
1 ROMA - PECHINO/Beijing aereo
2 Beijing - Chengdu (mt 400) aereo
3 Chengdu - Ya’an - Kangding Jeep - Km 334 – h 6,30– h/mt. 2600
4 Kangding (DARTSEDO)- Litang (GAOTHENG)
Jeep - Km 291 - h 10 - h/mt. 3950
5 Litang – YAGI FESTIVAL dal 1° al 7 agosto
6 Litang – YAGI FESTIVAL
7 Litang - Xinlong (NYAGRONG)
Jeep - Km 165 - h 4/5 - h/mt. 3700
8 Xinlong - Anzi - Pelyul (BAIYU)
Jeep - Km 295 – 10 - h/mt. 3200
9 Pelyul - esc.Monastero KATOK
Jeep - Km 80 h 6 a/r c. visita
10 Pelyul – Dege’- (DERGE)
(STAMPERIA E MONASTERO)
Jeep - Km 109 - h 3/4 - h/mt. 3280
11 Degè-Manigango-
(YIHUN LHATSO LAKE)
Jeep - Km 115 - h 4/5 - h/mt. 3600
12 Manigango - Sershul (SERKU O SERXÙ) Jeep - Km 265 - h 8 - h/mt. 3800
13 Sershul Jeep - Km 142 - h 7/8
14 Sershul – Garzé (GANZI) Jeep - Km 355 - h 8/9 - h/mt. 3400
15 Garzè Jeep - Km 95 - h 3/5
16 Garzè Jeep - Km 74 - h 3/5
17 Garzè – Luhuo (DRANGO ) Dawu - (DAOUFÙ)
Jeep - Km 184 - h 7/8- h/mt. 3200
18 Dawu - Danba
Jeep - Km 178 - h 7/8 - h/mt. 3300
19 Danba – Luding - Tianquan Jeep - Km 247 - h 7/8 - h/mt. 1300
20 Tianquan – Ya’an – Leshan - M. Emey Jeep - Km 289 - h 5+2
21 M. Emey - Chengdu Jeep - Km 177 - h 3
22 Chengdu – Panda reserve
VISITE TEMPLI TAOISTI
Pulmino Km 11+11 a/r
23 Chengdu
MERCATO E CITTA’

24 Chengdu - Beijing
Beijing - Roma
aereo

L'itinerario consigliato o di massima potrebbe non corrispondere alla durata effettiva del programma e delle date esposte. E' pubblicato solo a titolo informativo ed è il risultato di precedenti viaggi realizzati dalla nostra organizzazione.
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.