CINA MITICA
Viaggio in larga parte fuori dai consueti circuiti e lungo gli antichi sentieri orientali della via della seta. Itinerario ricchissimo di località incredibili: colline policrome e monti arditi, dune e steppe, antichissimi monasteri di ogni tipo, le principali grotte buddiste del paese, centri storico-culturali…ed emozioni inedite.
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA23 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOda aprile a ottobre
PERNOTTAMENTIalberghetti
TRASPORTIminibus con autista
PASTIristorantini
DIFFICOLTA'nuovo itinerario
VISTI E VACCINAZIONI Occorre il visto, il costo è compreso nella quota. Inviare il passaporto con almeno 2 pagine libere consecutive, 4 foto, è indispensabile scaricare il seguente modulo CINA compilarlo, firmarlo e inviarlo a Viaggi nel Mondo, Largo Grigioni, 7 - 00152 Roma.
Se l’iscrizione perviene negli ultimi 10 giorni dalla partenza inviare passaporto e 2 foto per il visto individuale d’urgenza al costo di 66 EURO. Passaporto valido almeno 6 mesi.
Consigliata la profilassi antimalarica (clorochino-resistente) in zone extraurbane al di sotto dei 1500 m.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Roberto BOTTONI - Tel. 0733290747
77robot77@gmail.com
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in CINA TIBET E DINTORNI: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
      

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
CINA
CINA

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

PARTENZE IN GRUPPO PROGRAMMATE
Codice
Partenza
Ritorno
Prenotati
Offerte/Note
 
4261
22-06-2019
14-07-2019
0
 
4262
27-07-2019
18-08-2019
0
 
4259
03-08-2019
25-08-2019
1
  coord. DOMENICO RISCHITELLI - 3395913641
 
4263
10-08-2019
01-09-2019
3
  coord. LUISA AROASIO - 3479479082
 
Clicca sul mese per vedere le partenze programmate
GIU 2019
LUG 2019
AGO 2019

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA e MILANO (basata su 8 partecipanti) EUR
2.780
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo con voli previsti da Roma e Milano (supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), il costo del visto, il quaderno di viaggio (solo se disponibile nella nuova versione), la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze). Il minibus con autista/guida per tutto l'itinerario.
LA QUOTA NON COMPRENDE gli eventuali supplementi per carburante e controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE.

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
750
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
Un nuovo itinerario in un’area piuttosto dimenticata (a torto) dalle classiche rotte turistiche, a parte Xian. Programma denso di mete, attraverso 6 regioni cinesi. Un lungo percorso che si snoda da ovest a est, da Dunhuang (capitale del Gansu) fino a Hohhot (capitale della Mongolia Interna cinese), tutto via terra, per non perdere nulla di quanto offre questo vasto territorio. Dopo un passaggio iniziale a Pechino (con possibile visita in centro), arrivo in volo a Dunhuang (Unesco), in cui programmeremo subito delle interessanti visite nei dintorni. Innanzitutto, poco fuori città, la particolarissima tomba Wei-Jin e la pittoresca risorgiva del Crescent Moon Lake, affiorante dalle dune che lo circondano e relativo storico palazzo che vi si specchia. Con un percorso verso ovest, quasi al confine con lo Xinjang, lo Yumen Pass, avamposto nell’antica via della seta, con significative vestigia dell’epoca: la Porta di Giada, le torrette di avvistamento ed i più arcaici resti della Grande Muraglia. Iniziando il lungo percorso verso est, la prima dei ben 6 templi rupestri buddisti inclusi nel viaggio: le Mogao Caves (Unesco): ben 492 templi affrescati scavati nella roccia. Sosta successiva a Jiayuguan: forte e ancora suggestive parti della Muraglia, qui nota come la “Muraglia aggrappata”, perché segue le ondulazioni dei monti sui suoi crinali. Tocca poi al geoparco di  Zhangye Danxia (Unesco), che offre le incredibili visioni delle sue celebri montagne dalle policrome striature naturali, tanto da meritarsi l’appellativo di “montagne arcobaleno”. Tappa al complesso del Mati Si (innumerevoli caverne, 500 pagode e reliquiari su 5 livelli), al Dafosi, con il più grande Buddha reclinato in legno della Cina e altri templi ancora in zona. Deviazione facoltativa (nella confinante Mongolia Interna), verso l’area desertica di Badain Jaran: suggestive dune con molti laghetti incastonati nelle sabbie, ruderi di templi fortificati…e cammelli; ma per raggiungere le zone più remote sarebbero necessari 4x4…e tempo. In alternativa possibile escursione all’antico “villaggio fortificato tartaruga” di Yongtai, così chiamato per la figura geometrica delle sue mura. Dopo una notte a Wuwei (e visite varie in città), via verso Lanzhou (altre possibili visite urbane, incluso museo), base di partenza per la visita (con tragitto in barca sul Fiume Giallo) al Bingling Temple (Unesco)(notissime grotte dei 1000 Buddha) e successivamente al celebre Monastero di Labrang, mistica enclave di buddismo tibetano dalla magica atmosfera. Altra sosta doverosa al complesso delle grotte di Maijiashan (oltre 7200 sculture buddiste e 1000 mq di affreschi in 19 grotte). Lasciamo la regione del Gansu per entrare in quella dello Shaanxi. Sosta lungo la via per visita a templi e pagoda del Famen Si, prima di approdare alla mitica Xian (Unesco) che merita almeno 2 giorni. Oltre alle sue animatissime vie del mercato islamico, storiche mura, varie pagode, mausolei e un interessantissimo museo provinciale. Ma la sua più nota attrazione mondiale nei paraggi resta il mausoleo dell'imperatore Qin Shi Huang e soprattutto gli annessi 3 padiglioni che racchiudono il celeberrimo ”esercito di terracotta” (Unesco). A quel punto  da decidere, in base al tempo disponibile, se effettuare una deviazione verso sud-est per visitare i suggestivi monasteri taoisti arroccati sui Monti Wudang (Unesco), dallo straordinario contesto architettonico-paesaggistico. Tappa da non mancare è il famoso Monte Hua, incluse le strutture religiose che ospita ed i cui sentieri ferrati strapiombanti sono stati definiti come “l’escursione più terrificante al mondo”. Evitandoci rischi, fatica e risparmiando tempo, potremo utilizzare invece una delle locali funivie almeno per un’occhiata a quegli ambienti così inconsueti. Da qui inizieremo il tragitto finale verso nord. In questo itinerario, altre tappe di rilievo assoluto. Ai due estremi sud e nord, innanzitutto i rispettivi famosissimi siti Unesco delle grotte di Longman e quelle di Yungang. Ma nel tragitto intermedio tra questi due luoghi, molti altri luoghi di estremo interesse. In progressione geografica: Luoyang (molto singolare la Lijing Gate, con l’ingresso delle mura con piazzetta a semianfiteatro), il White Horse Temple e quello Shaolin (Unesco), l’antico centro storico di Ping Yao (Unesco) (racchiuso nelle imponenti mura e forse quello meglio conservato dell’intera Cina), il Jinci Temple e la vicina città di Taiyuan. Infine possibile deviazione verso est per il Monastero Sospeso di Xuankong, prima di approdare a Datong.   Destinazione finale del viaggio sarà comunque Hohhot, il capoluogo della regione autonoma cinese dell’Inner Mongolia. L’atmosfera dei paesaggi richiama da vicino quelli mongoli più a nord e non mancheremo quindi di avvicinarci proprio alla frontiera della Mongolia. Questo verso 3 possibili direttive, da decidere, tra le “grassland” (gli affascinanti ambienti stepposi dalla natura incontaminata), di Xilamuren, Gegentala o Huitengxile, secondo il tempo che ci sarà rimasto. In uno di questi luoghi trascorreremo un’indimenticabile notte in un accampamento di “gher” (le tipiche yurte mongole), nel mezzo di paesaggi pieni di suggestione. Dopo l’escursione nelle sterminate steppe del nord, torneremo a Hohhot, per le ultime visite in città: innanzitutto il bellissimo museo dalla modernissima architettura, ma anche alcuni interessanti templi, pagode e stupa, oltre alle vivaci strade commerciali del centro città, invase da bancarelle e negozietti dalle più varie mercanzie. Da lì, triangolando nuovamente via Pechino, rientro in Italia.
(NB: il viaggio viene bene se effettuato solo da ovest verso est, lasciando la parte più alleggerita del programma e flessibilizzabile alla fine, in base al tempo rimasto a disposizione).
 
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.