IL NEPAL ORIENTALE
la splendida Janakpur e il verde Ilam
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA16 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOTutto l'anno
PERNOTTAMENTI
Case private presso comunità locali
TRASPORTI
mezzi locali/pulmino con autista
.Per motivi di sicurezza, sconsigliamo categoricamente i trasferimenti con bus notturni.
PASTI
In case private e ristorantini
DIFFICOLTA'
Brevi trekking a piedi
VISTI E VACCINAZIONIIl visto Nepal si prende in arrivo e si paga con la cassa comune, costo visto in arrivo 30$ per soggiorni di 15 gg, 50$ per soggiorni di 30 gg.
Scaricare il form di richiesta da presentare all’arrivo da http://www.nepalimmigration.gov.np/?page_id=119
Il visto può essere richiesto anche al Consolato del Nepal di Roma presso Viaggi Nel Mondo Srl, Largo Carlo Grigioni 7, 00152 Roma. Inviare con  Corriere Espresso insieme alla scheda di prenotazione il passaporto con la validità residua di almeno 6 mesi dalla data di partenza, 1 foto tessera a colori ed il modulo compilato e firmato SCARICABILE QUI. Il costo del visto di 15 giorni è di 30 euro, il costo del visto di 30 giorni è di 50 euro, il costo verrà addebitato sul foglio notizie. Per coloro che decidono di prendere il visto in arrivo suggeriamo la procedura della richiesta preventiva online per mezzo del sito http://online.nepalimmigration.gov.np che facilita e velocizza l'entrata nel Paese.
Passaporto valido per almeno 6 mesi. Raccomandata profilassi antimalarica (clorochino-resistente) e l’antitifica, se si visita il Terai.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Silvia ANTONINI - Tel. 3921682175
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in INDIA ED OLTRE: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
    

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
NEPAL
NEPAL

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

PARTENZE IN GRUPPO PROGRAMMATE
Codice
Partenza
Ritorno
Prenotati
Offerte/Note
 
3395
07-09-2019
22-09-2019
0
 
3330
07-12-2019
22-12-2019
0
 
3331
21-12-2019
05-01-2020
0
 
3350
26-12-2019
10-01-2020
0
 
3353
28-12-2019
12-01-2020
0
 
Clicca sul mese per vedere le partenze programmate
SET 2019
DIC 2019

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
Da ROMA e da MILANO EUR
1.340
Supplemento alta stagione: Estate, Ottobre, Natale-Capodanno EUR
150
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo con voli previsti da Roma e Milano (supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), il quaderno di viaggio, la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze). Escursioni e trekking in cassa comune.
LA QUOTA NON COMPRENDE gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
500
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
C'è un Nepal a est di Kathmandu poco conosciuto ma non meno affascinante di quell'immagine che ci riportiamo dietro ogni qualvolta lasciamo il Paese dopo una visita sempre densa di emozioni. Qui è il predominio della natura tra le sempreverdi colline dell'Ila, della fauna protetta nella riserva di Koshi Tappu, e dell' architettura di Janakpur centro di culto e di fondamentale visitazione da parte dei fedeli hinduisti.
Cominciamo da Kathmandu. La mattina presto ci si incammina attraversando il quartiere di Chhertapathi fino alle pendici del colle di Swayambhunath, dove induismo e buddismo si mescolano alla perfezione, tra stupa, shikara e gompa, e se arriveremo presto riusciremo a vedere i falchi che si alzano in volo sulla capitale. Da qui in taxi ci trasferiamo a Pashupathinath, il tempio del trapasso, la Varanasi del Nepal dove assisteremo ai riti funebri della cremazione. A piedi, attraversando il ponte sul fiume Baghmathi, percorreremo la scalinata che si addentra nella foresta ed è costellata da numerosi templi dedicati a Shiva. Da qui arriviamo a Bouddhanath, il borgo che ospita il secondo stupa più grande dell'Asia, passiamo così dal mondo Induista al mondo Buddhista dove assisteremo alle preghiere dei fedeli e percorreremo con loro la khora della piazza.
Iniziamo il nostro trasferimento verso oriente sulla Arniko highway incontrando dopo poche decine di km Dhulikel villaggio newari (1550m) circondato da verdi coltivazioni di riso. Dalla collina protetta dal tempio di Shiva è possibile godere di una ampio panorama sulla balconata himalayana dal Langtang Lirung (7227) fino al Numbur (5945) soffermano lo sguardo su Dorje Lakpa (6966) l'imponente Gautam Shankar (7134) e Melungtse (7181). A poca distanza (12 km, due ore camminando) sorge su una collina Namobuddha uno dei luoghi più sacri di pellegrinaggio e ritiro meditativo con un piccolo stupa circondato dalle immancabili bandiere di preghiera, luogo particolarmente suggestivo che ricorda il sacrificio del Buddha che si immolò per calmare la fame di una tigre con i suoi piccoli.
Raggiungiamo Janakpur. Meta di importanti pellegrinaggi di fedeli Hindu, evoca il noto poema epico Ramayana. Dedicato a Sita che qui nacque e sposò Ram. Secondo il poema Ram viene creduto l'incarnazione di Lord Vishnu e Sita quella della dea Lashmi. Racconta ancora che la dea nacque da un solco di terra come una pianta di riso durante l'annuale aratura del padre Janaka. Secondo la pratica Hindu Janakpur è compreso nella rotta santa Parikrama (cerchio santo come forma di devozione e culto).
Il luogo di culto è l'imperdibile Janaki Mandir, una delle più significative espressioni dell'architettura nepalese, costruito all'inizio del 1900 in un elaborato stile moghul barocco. E' un vasto e maestoso tempio bianco e azzurro coperto di arabeschi considerato uno dei primo esempi di stile hindu-koiri nepalese con archi di marmo, cupole e torrette. Costruito sul luogo in cui sorgeva il palazzo di re Janaka è meta di pellegrinaggi di fedeli hindu particolarmente nel mese di Margasircha (Novembre Dicembre), mese in cui si commemora la nascita di Rama e il suo matrimonio con Sita. I fedeli, le donne vestite di sari dai colori sgargianti si bagnano nelle numerose vasche adibite al rito della purificazione e seguono vari rituali fino alla processione in cui il dio Rama, su un trono, viene portato su un baldacchino da un tempio all'altro, mentre la dea Sita con lo stesso rituale segue un percorso diverso.
Koshi Tappu riserva della fauna selvatica lungo il corso del fiume Sapta Koshi a ridosso del confine dell'India è la prossima visita. Si tratta di una riserva naturale ideata inizialmente per la protezione del bufalo selvatico è divenuto habitat protetto anche per cervi maculati, gaviali, pangolini, delfini dei Gange varani e pitoni, tra gli altri. La riserva è un tipico punto di passaggio e riposo per uccelli migratori che possono essere osservati in questo habitat e visitabile a dorso di elefante. Nei giorni di chiara visibilità lo skyline dell'Himalaya è imponente con la vetta del Makalu (8475) su tutti.
La vegetazione varia da distese erbose con boscaglia a foreste fluviali decidue. Le pianure sono piatte ed esposte ai venti che in alcune stagioni sono caratteristiche della pianura del Terai. Talvolta raffiche più forti e prolungate sollevano acqua dal fiume a formare schermi di nebbia che rendono l'ambiente curiosamente selvaggio.
Raggiunto quasi il confine indiano a Bhadrapur viriamo decisamente a nord per raggiunge Ilam Bazaar nella regione dell'llam. Siamo nell'estremo est del paese, il distretto sorge alle pendici del Monte Kanchanjunga, terza vetta al mondo per altezza. E' una vastissima area collinare coperta da piantagioni di te. L'intera area qui è chiamata Queen of the hills, dalla cui sommità si vedono i verdi terrazzamenti di coltivazioni del te. La terra fertilissima con un clima mite aiuta la crescita di queste piantagioni che hanno centinaia di anni. La vegetazione verde durante tutto l'anno e lo spettacolo ondulante delle colline coperte da foglie di te è semplicemente maestoso.
Si crede che le prime piantagioni di te furono portate dalla Cina come regalo da parte dell'Imperatore cinese al Primo Ministro di allora Jung Baha Chen Randu.
Da Ilam Bazaar a Maipokhari, zona palustre protetta da WWF e membro della Ramsar Wetlands Convention, luogo fondamentale di pellegrinaggio sia induista che buddhista è ritenuta la dimora della dea Bhagawati. Il lago dalle acque smeraldo si estende per circa 1 km di circonferenza e navigabile con piccole imbarcazioni. E' circondato da una foresta fitta di abeti, betulle, pini e ginepri. Orchidee e rododendri aggiungono colore a una atmosfera suggestiva. Di nuovo in trasferimento verso Antu Danda, su una collina a 2300 km di altezza che regala una vista stupenda sul massiccio dell'Everest e del Kanchanjunga da un lato e sulla vasta piana del Terai dall'altra. Una spettacolare passeggiata (3 ore) ci permette di raggiungere Chhiptar attraverso colline lussureggianti immersi nella natura e con vista sull'Himalaya.
Questa volta ci fermiamo qui, ma con il desiderio di ritornare per vedere di più in questa parte del Nepal ancora poco frequentata. Rientriamo a Bhadrapur per salire sull'aereo che ci riporta a Kathmandu, un pò di shopping e il rientro in Italia.
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.