TIMGAD E DESERTO
Traversata dell’Algeria settentrionale, dalle straordinarie rovine romane di Timgad alla splendida oasi di Ghardaia ai margini del grande Sahara, e ancora attraverso il Grande Erg Occidentale con la meravigliosa oasi sahariana di Taghit e su lungo l’Atlante Sahariano fino a Laghouat. Grandi oasi, dune maestose e deserti, antichi forti e minareti, pitture rupestri e splendide rovine romane.
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA16 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOda Ott ad Apr
PERNOTTAMENTIalberghetti
TRASPORTI
minibus, mezzi locali e a piedi
PASTIristorantini
DIFFICOLTA'facile
VISTI E VACCINAZIONIOccorre il visto per l’Algeria. Provvediamo ad ottenere l’invito e il visto, inviate con la scheda di prenotazione (in ogni caso in tempo utile per il rilascio) il passaporto valido almeno 6 mesi, 4 foto tessera, il certificato di residenza, la copia dell'estratto conto bancario o postale ed il modulo compilato in tutte le parti SCARICABILE QUI. Il costo di euro 91 comprensive del visto e dei diritti di agenzia vi verranno addebitate nel saldo del foglio notizie definitivo.
Nota importante: ai fini dell'ottenimento del visto indicare nel modulo: il nome e cognome dei genitori, la professione svolta con l'indirizzo del datore di lavoro.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Per info Stefania BENETTI - Tel. 3336317224
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in Nord Africa: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
    

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
ALGERIA
ALGERIA

CARTE GEOGRAFICHE Clicca sul globo per visualizzare una mappa della zona
     clicca per visualizzare una mappa della zona     clicca per visualizzare una mappa della zona

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

PARTENZE IN GRUPPO PROGRAMMATE
Codice
Partenza
Ritorno
Prenotati
Offerte/Note
 
3560
05-10-2019
20-10-2019
0
 
3561
19-10-2019
03-11-2019
4
  coord. LAURO AMATO - 3920459782
 
3562
26-10-2019
10-11-2019
0
 
3574
02-11-2019
17-11-2019
0
 
3580
16-11-2019
01-12-2019
0
 
3581
30-11-2019
15-12-2019
0
 
1784
21-12-2019
05-01-2020
0
 
1794
28-12-2019
12-01-2020
0
 
Clicca sul mese per vedere le partenze programmate
OTT 2019
NOV 2019
DIC 2019

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA EUR
1.460
da MILANO supplemento voli nazionali in base alla tariffa disponibile circa EUR
170
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo compresi i tratti interni, il quaderno di viaggio (solo se disponibile nella nuova versione), la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), il trasporto in minibus con autista compreso il carburante fino a Ghardaia e un pacchetto da Ghardaia a fine viaggio comprendente trasporti in auto 4x4/autobus, guida accompagnatore, pernottamento in albergo o presso gli abitanti.
LA QUOTA NON COMPRENDE gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
440
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
Un nuovo viaggio che attraversa tutta l’Algeria settentrionale seguendo le antiche vie di penetrazione in Africa della civiltà romana e lambendo le sabbie degli immensi deserti sahariani. Una grande traversata che parte da Algeri, attraverso dune, antichi forti, pitture rupestri, grandi oasi ed immancabili rovine romane. Visiteremo Constantine e le antiche città romane della regione: Tiddiscittadella romana, il museo di Setif con uno dei più bei mosaici in assoluto del mondo romano: il trionfo di Bacco e Djemila, la Curculum romana fondata dall’imperatore Nerva con un bel teatro, l’arco di trionfo, le terme e il foro. Dopo aver fatto tappa a Batna, proseguiamo verso Timgad, un vero gioiello archeologico inserito in un contesto naturale di grande bellezza con colline e monti che fanno da scenario. Un’antica città romana, perfettamente conservata con il suo castrum, le mura con le 4 porte, il foro con templi e basiliche, gli archi di trionfo, le terme, le fontane, insomma una piccola Roma in terra africana. Proseguiamo imboccando il suggestivo Canyon de l’Abiod per raggiungere il villaggio abbandonato di Ghoufie quindi la citta di Biskra. raggiungiamo El Oued, antica capitale del Souf con le sue case bianche e le numerose 'rose del deserto' ancora reperibili tra le sabbie che circondano l’oasi. Poi Touggourt, con le curiose tombe dei re di Touggourt e la sua spettacolosa oasi con 1.300.000 palme, e la vicina Tamacine con la sua famosa moschea costruita nel 1431. Quindi Ouargla, la piazza del mercato, il famoso museo sahariano e l'oasi di 1.500.000 palme. Una breve tappa ci porta a Ghardaia la biancoceleste capitale della pentapoli del Mzab, patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, la cui oasi sopravvive grazie ad un ingegnoso sistema di distribuzione dell’acqua con 270.000 pozzi di oltre 60 m di profondità dai quali viene sollevata acqua per 24 ore su 24 con l'opera di muli e cammelli. Visiteremo i suoi palmizi, i suoi orti, i suoi affollati mercati, la piazza, i souk, la Grande Moschea, il Museo Folcloristico ed il Belvedere con la vista della Pentapolicon Ghardaia, Melika, Beni Isguem, Bou Noura, El Atteuf (millenaria), le cinque città sorte all’interno di questa spettacolare valle. Sono città fondate dopo l’anno 1000 dagli Ibaditi, un ramo islamico moderato, perseguitato e cacciato verso ovest da correligiosi più integralisti. Le pentapoli hanno la moschea nel punto più alto, attorno ci sono le abitazioni dei nobili religiosi e no, poi scendendo via via le varie professioni, una zona di scambio (mercato) e le mura. In queste città le donne girano avvolte in un lungo telo bianco dal quale fanno spuntare un solo occhio. Dalla splendida valle della M’Zab partiamo verso l’Atlante sahariano su una strada asfaltata che tocca Metlili des Chaambas. Costeggiamo il Grand Erg occidentale in direzione di Brézina. La regione è ricca di centinaia di incisioni rupestri, palmeti, grotte profonde non completamente esplorate. Visitiamo lo ksar legato alla leggenda della capo tribù EmbarkaBent el Khasse Da Brézina verso Ovest e la cittadina di El Abiadh Sidi Cheikh con la kouba (mausoleo) del grande sufi, méta di pellegrinaggi, e il villaggio di Arbaouet con l’incisione rupestre dello scorpione gigante. Quindi lo ksar (villaggio fortificato) di Chellala Dahrania. Visitiamo il grande ksar di Bousamghoun, punto d’incontro delle carovane che portavano oro e schiavi già nel terzo secolo preislamico e ancora avvolto in un’atmosfera fuori dai tempi. In questo villaggio si trova la Zaouia Tidjania, centro religioso che ospita la confraternita islamica della Tidjania molto presente nell’Africa occidentale. Segue una via islamica ispirata al sufismo che parte dal presupposto di essere la sintesi di tutti i percorsi islamici anteriori alla sua fondazione. Il villaggio vanta una dei migliori esempi di “foggara”: un ingegnoso e non ancora completamente compreso sistema di irrigazione per mezzo di un canale sotterraneo con piccoli pozzi in superficie comunicanti che si basa sull’inclinazione del tunnel e sulla differenza di temperatura. Si prosegue verso il sito storico della montagna Tamadda, con belle rappresentazioni di rinoceronti, elefanti, gazzelle, scorpioni appartenenti al c.d. periodo bubalino per la presenza del Bubalus antiquus, oggi scomparso, quando la grande fauna selvaggia abitava le steppe ed i fiumi che il tempo ha trasformato nel Grande Sahara. 
Dal ksar di Bousamghoun ci sposteremo a sud con la meravigliosa oasi di Taghit incorniciata dalla grande duna dorata che la sormonta, con alle spalle l'oceano di dune dell'Erg occidentale. Visiteremo lo ksar restaurato sotto l'egida dell'Unesco e la stazione rupestre scoperta di recente. Infine non ci faremo mancare un tramonto immersi fra le dune con cena in tenda berbera ed eventuale pernottamento. Ripreso il percorso verso nord, raggiungeremo la cittadina di Aïn Sefra, alle propaggini dell'Erg Occidentale. Nel cimitero musulmano riposa la scrittrice e avventuriera Isabelle Eberhardt, annegata nel 1904 in una improvvisa piena. Riprendiamo la strada verso nord che ci porta ad El Baydah. Lungo il tragitto avremo la possibilità di deviare per lo Ksar El Ghassoul risalente all’11° secolo con nelle vicinanze incisioni rupestri di asini, scene di caccia e leoni (potremmo visitarlo anche da Brézina). Raggiungiamo, quindi, la famosa e unica rappresentazione del montone di Boualem, proseguendo poi verso El Ghicha dove ammiriamo i grandiosi paesaggi del sito naturale di Anfuse la famosa incisione adottata dall’Unicef per il programma della protezione dell’infanzia che rappresenta l’elefante che protegge il suo piccolo dall’assalto della pantera. Non sono meno belle le incisioni con il combattimento dei bufali, e quelle con i cavalli. Laghouat viene considerata la capitale intellettuale del Sahara essendo sede di una Università, nei pressi visiteremo poi la zaouia di Aïn Madhi e li Palazzo di di Korduane, costruito per la principessa Lalla Yamina Tidjani, Aurélie Picard, giovane bella francese andata in sposa ad un capo della confraternita. Da Laghouat ritorneremo infine ad Algeri dove, tempo permettendo, visiteremo in giornata Tipaza e le sue splendide rovine romane, prima di prendere la nostra coincidenza per l’Italia.

 Giorno itinerario
 1 Italia - Algeri – Setif
 2 Setif – Djemila - Constantine
 3 Constantine - Tiddis - Imedghassen (Medracen) - Batna
 4 Batna – Lambaesis – Timgad – Ghoufi/ Rhoufi - Biskra
 5 Biskra -  Sidi Okba – Temacine  – Tamelhat - Touggourt
 6 Touggourt - Ouargla - Beni Isguen - Ghardaia
 7 Ghardaia - El Atteuf – Bounoura – Melika - Ghardaia
 8 Ghardaia - Brezina – Bent El Khass - El Gor – Brezina
 9 Brezina–El Abiodh Sidi Cheikh-Arbaouts–Garet et Taleb–Boussemghoun
 10 Boussemghoun  – Taghit
 11 Taghit – Bechar – Ain Sefra
 12 Ain Sefra – Thyout - Moghtar Tahtani - Ain Ouarka-Beni Amar–  El Bayadh - Boualem - Aflou
 13 Aflou –  El Ghicha– Moula -Ain Madhi– Kourdane –Laghouat/Djelfa
 14 Djelfa - Tipaza
 15 Tipaza - Algeri
 16 Algeri - Italia

 
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.