IL POLO DEL FREDDO
Nel remoto villaggio di Ojmjakon, nel cuore della Sacha-Jakuzia, in Siberia, il centro abitato più freddo del pianeta.
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA15 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODOGen-Feb
PERNOTTAMENTIcase, alberghetti
TRASPORTIfuoristrada
PASTIristorantini, al sacco e presso abitazioni locali
DIFFICOLTA'viaggio in località remota con condizioni climatiche estreme
VISTI E VACCINAZIONIProvvediamo a prendere il visto per la Russia, il costo è già compreso nella quota. Inviate con la scheda di prenotazione 4 foto (è obbligatorio leggere queste istruzioni “CLICCA QUI”, in quanto l’ambasciata è molto rigida sui requisiti richiesti. In mancanza di queste caratteristiche rifiuterà ogni richiesta di visto) e il passaporto (in perfette condizioni) valido almeno 6 mesi dalla data di rientro in Italia. 
Tempi di rilascio del visto 15 giorni lavorativi; oltre tale limite sarà dovuto un supplemento da 80 a 140 euro a scalare fino a 3 giorni prima della partenza.
L'ambasciata prevede che per l'assicurazione dei partecipanti sopra i 62 anni ci sarà una maggiorazione di 15 euro, sopra i 65 anni una maggiorazione di 30 euro e sopra i 75 anni una maggiorazione di 60 euro.
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Pasquale SURIANO - Tel. 3471532649
Vai al gruppo facebook dedicato ai Viaggi in MONGOLIA E SIBERIA: Avventure... Yes I AM
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
    

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
RUSSIAN FEDERATION
RUSSIAN FEDERATION

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
da ROMA e MILANO EUR
3.050
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto aereo nella classe e con voli previsti da Roma e Milano (supplemento qualora siano necessarie tratte nazionali in coincidenza con il volo internazionale), la polizza infortuni e l’assistenza completa Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze), visto consolare, il trasporto in 4x4 in Jakuzia, pernottamenti con pensione completa (tranne che a Yakutsk).
LA QUOTA NON COMPRENDE Tutti i trasporti e i pernottamenti a Mosca e a San Pietroburgo da pagare in cassa comune. Gli eventuali supplementi per carburante e per controlli di sicurezza applicati dai vettori aerei successivamente alla pubblicazione dei programmi e tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
500
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO
La Repubblica di Sacha-Jakuzia, occupa una buona fetta della parte nord-est del continente asiatico. Si estende per 2000 km da nord a sud e per 2500 km da est ad ovest. Occupa un’area corrispondente ad 1/5 del territorio della Russia ed è più grande di Francia, Austria, Germania, Italia, Svezia, Regno Unito, Finlandia e Grecia messe insieme. La sua capitale, Jakutsk, si trova a 6900 km da Mosca e più del 40% della regione è al di sopra del circolo polare artico. La Jakuzia è ricca di contrasti naturali. Il clima è prevalentemente continentale, con escursioni termiche che possono raggiungere, nel corso dell’anno, i 100°C: dai + 40°C in estate, ai -60°C in inverno. E’ in Jakuzia che si trova il ‘Polo del Freddo’ (il punto in assoluto più freddo nell’emisfero boreale (nell’emisfero australe è la base Vostok in Antartide), dove la temperatura media di gennaio è -50°C con punte fino a -68°C e dove nel 1926 è stata registrata la temperatura di -71,2°C (strumentale), ed è qui che andremo noi, a stretto contatto con le famiglie locali, per capire più da vicino come riescano a vivere, a far vivere gli animali che allevano, a far funzionare i loro macchinari a queste temperature pazzesche. Per farlo attraverseremo in fuoristrada (è talmente freddo che le strade non ghiacciano ed è come guidare sulla sabbia), accompagnati da guide ed autisti esperti, una regione meravigliosa e selvaggia con scenari incantevoli.
Passeremo un paio di giorni a Mosca per acclimatarci e visitare la città. Un lungo volo ci porterà poi a Jakutsk, dove atterreremo al mattino prestissimo. Una volta preso possesso delle camere nel nostro albergo, visiteremo, accompagnati in bus privato da una guida locale, la città ed i suoi musei, ci cimenteremo nella guida delle slitte trainate dai laika yakuti, ed ammireremo raffinate sculture di ghiaccio, pranzando e cenando in tipici ristoranti locali.
Il giorno seguente partiremo in 4x4 per la nostra avventura attraversando la parte centrale della Repubblica con gli splendidi panorami della taiga invernale e ci fermeremo nel villaggio di Teply Klyuch, dove saremo ospitati in case private. Lungo il cammino attraverseremo il fiume Lena ed uno dei suoi maggiori affluenti, l’Aldan, entrambi ghiacciati. Dopo una lunga giornata e dopo aver attraversato la catena dei Verkhoyansk lungo la tristemente chiamata “strada delle ossa” costruita dai prigionieri dei gulag ed una sosta nella stazione metereologica di “Vostochnaya” arriveremo finalmente alla nostra meta: Ojmjakon, dove saremo ospitati in case private. Passeremo un’intera giornata con i locali, cavalcando i loro robusti cavalli, provando la pesca nel ghiaccio, mangiando la “stroganina”, provando fenomeni fisici che solo a queste basse temperature possono accadere e ci presenteremo dal sindaco che certificherà la nostra presenza al villaggio. Il giorno seguente ci recheremo a Tomtor con le sue sculture di ghiaccio, dove saremo ospitati per la notte da famiglie locali. Inizia il nostro viaggio di rientro ed in serata ci fermeremo a Khandiga. Il giorno seguente rientriamo a Jakutsk e dopo una cena di commiato dalle nostre guide e la notte nello stesso hotel dell’andata, prenderemo, al mattino presto, il volo che ci porterà a San Pietroburgo, dove passeremo un paio di giorni prima del nostro volo di rientro per l’Italia.

Avventura in regioni sconosciute al turismo, servizi disponibili spartani, occorre il miglior spirito di adattamento, soprattutto in funzione delle bassissime temperature, che implicano il rispetto di alcune regole comportamentali.

Giorno Itinerario mezzo
1 Italia / Mosca aereo
2 Mosca
3 Mosca
4 Mosca-Jakutsk aereo
5 Jakutsk
6 Jakutsk-Teply Klyuch 4x4
7 Teply Klyuch-Ojmjakon 4x4
8 Ojmjakon
9 Ojmjakon-Tomtor 4x4
10 Tomtor-Khandyga 4x4
11 Khandyga-Jakutsk 4x4
12 Jakutsk-San Pietroburgo aereo
13 San Pietroburgo
14 San Pietroburgo
15 San Pietroburgo - Italia aereo
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.