IL CUORE DELLE DOLOMITI
Percorso circolare nel cuore delle Dolomiti, attraverso tre regioni: Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Passeggiate facili per conoscere la storia del Vajont, il Cadore, Cortina d'Ampezzo, la Marmolada, la val di Fassa, la storia di Stava, le pareti di Manolo, l'impero dell'occhiale e Belluno.
 
CARATTERISTICHE DEL VIAGGIO
DURATA9 GIORNI
date e durate definitive sono indicate nella tabella Partenze Programmate
PERIODODa giugno a settembre
PERNOTTAMENTIalberghetti, case private, rifugi
TRASPORTIa piedi, auto o pulmino a nolo (i partecipanti si alternano alla guida)
PASTIal sacco e ristorantini
DIFFICOLTA'facile
VISTI E VACCINAZIONInon occorrono
INFORMAZIONII coordinatori segnalati hanno effettuato il viaggio e possono dare informazioni.Rivolgetevi a loro con la cortesia che si usa tra amici.

Lucia SIMEONI - Tel. 3384691302
Se vuoi condividere questo viaggio con i tuoi amici clicca sull'icona Facebook a lato
MAIL Clicca per inviare questa scheda viaggio ad un amico
CLASSIFICAZIONE, CARATTERISTICHE E DIFFICOLTA' DEL VIAGGIO Clicca sull'icona per vederne il significato
    

PAESI VISITATI Clicca sulle bandiere per accedere al sito del Ministero degli Esteri Unità di crisi - Vaggiare sicuri - con informazioni su Sicurezza e relativi consigli Clima - Meteo - Sanità - Documenti di viaggio - Visti e valuta
ITALIA
ITALIA

LEGGERE LE INFORMAZIONI E LE CONDIZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO DA PARTE NOSTRA L'ANTICIPO VERSATO VIENE IMMEDIATAMENTE RIMBORSATO

PARTENZE IN GRUPPO PROGRAMMATE
Codice
Partenza
Ritorno
Prenotati
Offerte/Note
 
1837
25-07-2020
02-08-2020
3
  coord. GIANNI MORES - 3288116726
 
1840
01-08-2020
09-08-2020
0
 
1841
08-08-2020
16-08-2020
0
 
1842
15-08-2020
23-08-2020
0
 
1843
22-08-2020
30-08-2020
0
 
1844
29-08-2020
06-09-2020
0
 
1846
12-09-2020
20-09-2020
0
 
1851
19-09-2020
27-09-2020
0
 
Clicca sul mese per vedere le partenze programmate
LUG 2020
AGO 2020
SET 2020

QUOTA DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE HANNO UN VALORE INDICATIVO E SARANNO CONFERMATE NEL FOGLIO NOTIZIE DI OGNI PARTENZA.
Da Treviso - provvisoria EUR
490
LA QUOTA COMPRENDE il trasporto in minibus/auto per 9gg da Treviso, la polizza infortuni e l’assistenza Europassistance (prendere visione delle condizioni delle due polizze).
LA QUOTA NON COMPRENDE tutto ciò che non è compreso ne LA QUOTA COMPRENDE
IN CASO DI ANNULLAMENTO DEL VIAGGIO NON SI APPLICANO PENALI, L’ANTICIPO PER LA PRENOTAZIONE E’ RIDOTTO A 100 EURO

CASSA COMUNE
CASSA COMUNE IN CORSO DI VIAGGIO EUR
750
Importo previsto di spesa in corso di viaggio per i servizi non compresi nella quota, si basa sulle esperienze dei gruppi precedenti ed è gestito dal gruppo che elegge un cassiere.Si basa sull'utilizzazione di servizi di medio livello. Consultare il Decalogo, punto 5 per una esauriente spiegazione sulla gestione della cassa Comune. Clicca qui

ITINERARIO CONSIGLIATO E REDAZIONALE DI VIAGGIO


Il percorso ad anello attraverso tre regioni: Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige, ci porta nel cuore delle Dolomiti, Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, alla scoperta dei paesaggi dominati dalle montagne più alte: la Marmolada (3.343 m s.l.m.), la “regina” delle Dolomiti, ed il monte Antelao (3.264 m s.l.m.), il “re”. Con percorsi in auto o facili passeggiate su sentiero ci avviciniamo alle cime e alle storie di uomini e donne che in questo paesaggio, ispirati dalla maestosità dei monti, hanno sempre trovato l’energia per creare lavoro, difendere la Patria, rinascere dopo reazioni violente della natura.
In Cadore e nell’Agordino si produce il 90% dell’occhialeria mondiale, a Cortina d’Ampezzo si svolgeranno i Mondiali di sci nel 2021 e le Olimpiadi invernali nel 2026, a Paneveggio crescono gli abeti di risonanza per le casse armoniche degli strumenti musicali, a Belluno scorre il Piave, fiume sacro alla Patria, le storie del Vajont e di Stava ci dimostrano che la natura esige rispetto.
Vediamo la casa dove nacque il pittore Tiziano, i luoghi che ispirano gli scrittori Mauro Corona e Francesco Vidotto, le piste e le pareti dove si sono allenati campioni come Christian Ghedina e Manolo.
Ci alterniamo alla guida per circa 500 km attraverso le valli Cadore, del Boite, di Fassa e Fiemme e svalicando i passi Falzarego, San Pellegrino e Rolle. Raggiungiamo con i mezzi a fune luoghi in cui fare semplici tratti a piedi raggiungendo quote intorno ai 3000 m.

http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolomiti.jpg

Giorno 1: ritrovo a Treviso, ritiro delle auto o minibus a noleggio e trasferimento nel pomeriggio a Belluno (80 km), la sorridente città dove i Veneziani incontravano la montagna. Incorniciata, a Nord, dalle candide rocce della Schiara e, a Sud, dall’azzurro del Piave. Visita guidata della città e spiegazione del percorso circolare attraverso le Dolomiti.

Giorno 2: trasferimento in auto o minibus nei luoghi di Mauro Corona, i paesi Erto e Casso, ma soprattutto dove il 9 ottobre 1963 una frana grande come una montagna (250 milioni di metri cubi) precipitò nell’invaso artificiale (PN, 30 km). Siamo nel sistema dolomitico delle Dolomiti Friulane e d’Oltre Piave. Visita guidata al coronamento della diga del Vajont, salita in auto a Casso per osservare la “M” di Muller e, alternativamente, escursione a piedi verso Erto o trasferimento in auto al paese di Erto, per visitare la mostra permanente “La catastrofe del Vajont” al Centro Visite. Nel pomeriggio arrivo a Pieve di Cadore (BL, 35 km), città del Tiziano e terra dello scrittore Francesco Vidotto. Siamo in Cadore: capitale mondiale dell’occhiale.

Giorno 3: visita al museo dell’occhiale e con le auto ci spostiamo nel sistema delle Dolomiti settentrionali. Raggiungiamo la perla delle Dolomiti: Cortina d’Ampezzo (BL, 35 km)! Visita e passeggiate nella Conca d’Ampezzo per portare le auto, nel pomeriggio, verso passo Falzarego (16 km) e prendere gli impianti che ci portano ai rifugi prossimi alle 5 Torri. Dormiamo in rifugio a circa 2000 metri di quota.

Giorno 4: facile passeggiata al rifugio Averau (2413 m) con la possibilità, per i più esperti, di proseguire fino al rifugio Nuvolau (2575 m). Ed è qui che ci si sente davvero nel “cuore” delle Dolomiti. Ovunque guardi, vedi famose cime dolomitiche: Tofane, Cristallo, Civetta, Pelmo, Lagazuoi, Marmolada, Serra, Sassolungo, Catinaccio...ora affascinanti luoghi escursionistici, ma nel ’15-’18 teatro di cruenti battaglie sul fronte italo-austriaco. Nel pomeriggio rientro alle auto e, superato il passo Falzarego (2105 m), scendiamo a Rocca Pietore (1143 m, 25 km), percorrendo versanti spogliati dalla violenza della tempesta Vaia dell’ottobre 2018.

Giorno 5: è il giorno della “regina”! Siamo nel sistema dolomitico della Marmolada. A Malga Ciapela (6.5 km) prendiamo la funivia fino Punta Rocca (3265 m) proprio di fronte a Punta Penìa, vetta più alta delle Dolomiti (3342 m) passando per le stazioni intermedie di Coston d’Antermoja (2350 m) e di Serauta (2950 m). Al ritorno ci fermiamo a Serauta per visitare il museo della Grande guerra. Rientro in serata a Rocca Pietore.

http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolo1.jpg http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolo1.jpg

Giorno 6: oggi ci trasferiamo in Trentino. Passando per Alleghe, Cencenighe Agordino, Canale Agordino (paese di papa Luciani), arriviamo al passo San Pellegrino (1918 m, 35 km), dove ci fermiamo per una facile passeggiata verso uno dei rifugi della zona. Nel pomeriggio scendiamo a Moena e poi Predazzo (TN, 20 km), ammirando le cime del sistema Sciliar-Catinaccio e Latemar.

Giorno 7: la montagna è ricchezza, ma esige rispetto! Ce l’ha detto il Vajont e ce lo dice Stava. A Tesero prendiamo la Valle di Stava e raggiungiamo il piccolo paese graziosamente ricostruito dopo il 1985 (15 km). Partendo dal Centro Stava 1985, la Fondazione Stava 1985 ci accompagna sul percorso della memoria per una suggestiva passeggiata nel bosco, accuratamente gestito dalla Magnifica Comunità di Fiemme. Scopriamo i luoghi dove si svolgeva l’attività mineraria per l’estrazione della fluorite e comprendiamo come è stato possibile trasformare un’attività, fonte di reddito, in azione distruttiva. “Disastri così non devono accadere mai più!” È l’imperativo della Fondazione. Purtroppo, disastri così continuano ad accadere nel mondo, con una frequenza di quasi un paio all’anno. In serata rientro a Predazzo.

Giorno 8: Oggi è la giornata dell’armonia! Prendiamo la strada per il passo Rolle e, dopo il lago artificiale di Paneveggio, ci fermiamo al Centro visitatori (15 km) e scopriamo i segreti della Foresta dei Violini, la foresta di abeti armonici con cui si realizzano le casse armoniche degli strumenti musicali. Sì, le casse armoniche dei violini di Stradivari! Dal centro visitatori parte un percorso naturalistico con punti di osservazione guidati e illustrati. Proseguiamo per il passo Rolle (7 km, 1989 m) dove parcheggiamo le auto e partiamo per un facile trekking di 40 minuti fino alla Baita Segantini (2170 m). La baita è un eccezionale belvedere sulle Pale di San Martino, palestra del famoso alpinista Manolo. Siamo tornati nel sistema dolomitico Pale di San Martino, San Lucano, Dolomiti Bellunesi, Vette Feltrine. In serata rientriamo in Veneto e raggiungiamo Feltre (BL, 56 km), città medievale alle pendici delle Vette Feltrine.

Giorno 9: dopo la visita alla storica birreria Pedavena e/o alla Basilica Santuario dei Santi Vittore e Corona (monumento nazionale), concludiamo il viaggio a Treviso, magari facendo tappa per aperitivo con prosecco a Valdobbiadene, dove consegniamo i mezzi noleggiati (60 km). In alternativa estensione di 3 giorni al lago di S. Croce.

http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolo1.jpg http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolo1.jpg

http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolo6.jpg

http://www.viaggiavventurenelmondo.it/immagini/cuoredolo6.jpg
L'Itinerario Consigliato e Redazionale Geografico è un racconto-relazione di una precedente esperienza di viaggio scritta e aggiornata dai partecipanti e dai coordinatori che costituisce lo schema del programma di viaggio suscettibile di modifiche sulla base delle decisioni dei gruppi nello spirito dell'autogestione del viaggio, caratteristica della formula dei viaggi avventure proposti da Viaggi nel Mondo.