Mauritaina Raid 2005


Autore:

Sandro Garavelli


Dopo un mitico incontro a Nema in Mauritania con la Parigi-Dakar nell’anno 1987 dove ospitammo piloti e meccanici italiani con una favolosa spaghettata, mi ero sempre ripromesso di ritornarci e percorrere le mitiche tappe dalla Dakar.Vuoi per i costi, vuoi per le difficoltà del percorso non sono mai riuscito a trovare la compagnia e il gruppo giusto per soddisfare i miei desideri.

Dopo 19 anni ecco che finalmente trovo le persone giuste e l’anno giusto per riuscirci. E’ stato un raid lungo e difficoltoso soprattutto nei 3000 n km di piste, Partiti da SETE con un giorno e due notti di traghetto arriviamo in Marocco che attraverseremo in 5 giorni sostando lungo il percorso a visitare qualche città come Layounne e Dakhla Un Marocco che mi ha stupito per ordine e pulizia oltre che nei bassi prezzi di alberghi e ristoranti rispetto ai nostri.

Il primo gennaio arriviamo alla dogana della Mauritania e subito si nota la differenza. Dogana con capanne di legno dove dentro c’era di tutto comprese le bestie, mance ai poliziotti per ogni macchina entrata, dopo 40 km arriviamo a Nouadibhou e da li partiamo per la pista verso Atar di ben 600km. Capiamo subito che il terreno e il deserto sono diversi da soliti deserti libici,algerini e nigeriani,perché c’e verde, a tratti e’ abitato con villaggi occupati anche solo da poche persone.

Siamo sulla pista che costeggia la ferrovia e quindi vediamo passare il treno più lungo del mondo 165 vagoni e guarda caso di lì a poco lo vedremo deragliato, un ammasso di una trentina di vagoni. Era gia arrivata un’enorme gru per i lavori e abbiamo subito capito che qui il deragliamento avviene abbastanza spesso.

Dopo 2 giorni arriviamo ad Atar e la macchina di Denis si rompe, fortuna sua alle porte della città, la nostra guida ci porta dal meccanico e la sentenza e’ grave, rottura della guarnizione della testa e della testa stessa, 2000 euro il danno. Sarà riparato in 24 ore notte compresa.

Nell’attesa noi andiamo a Cinguetti passando dal passo Amogiar, splendidi panorami con canyon veramente notevoli, la strada è una pietraia e si avanza anche in prima ridotta ma il posto e il paesaggio compensano abbondantemente la fatica.Siamo a Cinguetti,famosa oasi con le sue antiche biblioteche, rimaniamo nell’oasi tutto il pomeriggio e il mattino seguente durante la attesa di denis. Abbiamo così il tempo di visitare una delle 7 biblioteche dove (ci viene spiegato) esisstono numerosi testi antichi e ci fanno vedere il più vecchio di ben 900 anni scritto su pelle di gazzella, la guida ci fa più volte notare che la pelle di gazzella non può essere attaccata dalle termiti ed e’ per questo motivo che i testi ancor oggi sono leggibili. Non manchiamo di visitare di fuori la moschea e i numerosi mercatini tutt’intorno. Puntuale arriva Denis verso le 11 e così partiamo per Ouadane lungo il pistone, in breve tempo raggiungiamo quest’oasi per una visita anche se ormai poco e’ rimasto delle vecchie case. Puntiamo subito per il cratere del Guelb El Richat 50 km di pista per raggiungerlo e al centro del cratere troviamo un campo dove pernotteremo per la notte, una breve scalata alla cima per renderci conto della vastità di questo cratere. Torniamo verso Cinguetti lungo la pista delle dune,un percorso divertente e non particolarmente impegnativo.

Ci aspetta la pista per Tidjika 2 giorni impegnativi attraverso varie forme di pista. Bello e interessante il lungo oued di 30km lungo il quale c’e Rachid. Sosta per rifornimento carburante a Tidjiika e poi via per Tichit .

Una pista veramente difficile quasi un serpentone in mezzo agli arbusti con solchi alti 30-40 cm dove non si può uscire, percorriamo così 250km quasi tutti in seconda marcia tra mille difficoltà.L’arrivo a Tichit e’ come sempre festoso, talmente festoso che ci costringe a sostare per la visita circa un’ora per poi campeggiare alcuni km dopo alfine di evitare l’assedio della gente.Vale la pena la sosta e la visita alla moschea con il suo bellissimo minareto considerato tra i più belli della Mauritania.

Iniziamo la pista per Oualata e poco dopo andiamo a vedere i resti dell’antica Aghrijlt, oasi dell’era neolitica dove ora in pratica si cammina su un tappeto di cocci, troviamo comunque anfore,macine e altri reperti gelosamente custoditi dal custode del sito.

Il nostro viaggio prosegue incontrando una bella cresta rocciosa le cui foto sono su tutti i libri della Mauritania; curiose le forme, di reperti ormai neanche più l’ombra, o comunque anche qua c’e una custode che ci mostra tanto di foglio timbrato dal Ministero del Turismo per pagare la visita, poco prima del pozzo di Aratane altre curiosissime rocce le cui forme fanno pensare alcune ad un enorme fungo altre alla faccia di una mummia.

Continuiamo il nostro percorso fino ad arrivare a Oualata ; l’oasi e’ bella ed interessante, la guida ci fa conoscere le case più belle dell’oasi famosa per le sue porte e decorazioni. Andiamo anche a vedere la casa di colei che e’ l’artefice di queste bellissime decorazioni.

Raggiunta velocemente Nema ritroviamo l’asfalto dopo 2050 km di pista , proseguiamo quindi per Kiffa su asfalto. A questo punto la decisione di fare un'altra mitica tappa della “DAKAR” quella con il passo Nega che tutti ci dicono difficile e pericoloso preso nel verso KIFFA-TIDJIIKA ma noi procediamo lo stesso, attraverso stupendi paesaggi inaspettatamente pieni di animali arriviamo al paese di Bundeit molto particolare perché costruito quasi su una duna , il passo e’ vicino ma quest’anno non ci sono sorprese di tempeste di sabbia e spostamenti di dune così senza quasi accorgersi raggiungiamo la sommità del passo. Raggiunto l’asfalto sul percorso Tidjiika –Aleg , passata la stupenda cittadina di Moudjiera arriviamo a Nbeika dove su un arduo percorso di 30km tra dune e pietraie raggiungiamo MATMATA , proseguiamo lungo un’ardua pietraia per arrivare al luogo dove vivono due coccodrilli, la loro vista e’ emozionante. Qui in mezzo al Sahara, in una pozza d’acqua che resiste all’aridità e al caldo estivo solo per la sua profondità vivono due coccodrilli cugini dei coccodrilli del Nilo,affascinante.Non ci resta che fare campo nei pressi per immergerci in toto in questo luogo così magico.

Il giorno seguente e’ una trasferta su asfalto verso Nouackott, sosta d’obbligo per confermare il traghetto di ritorno, conoscere le ore delle basse maree per compiere un’altra fantastica impresa. Infatti, il giorno successivo si parte per il Nord non per il nuovo asfalto, quello no, non interessa, interessano invece i 70km di corsa sulla spiaggia direttamente sull’oceano atlantico.Un’emozione indescrivibile. Mi sento un pilota della Dakar quando arriva al mitico Lago Rosa.

Rimane la pista lungo il Parc d’Arguin, i pochi animali visti in questo parco forse per la terribile tempesta di vento che ci martella per tutto il giorno.Al villaggio di Iwik sosta per una memorabile orata alla griglia e via verso Nouadibhou. Il viaggio sta per concludersi ma la nostra voglia di vedere ci fa ancora sostare ad Essaouira per un’altra mangiata di pesce , una sosta obbligata a Marrakech e la sua famosa piazza e l’ultima sosta a Casablanca per ammirare e visitare la moschea HASSAN II costruita tra il 1987 e 1993. E il minareto religioso più alto del mondo Il viaggio finisce con il traghetto che da Tangeri ci riporta a SETE dopo 9097 km di cui 2783 di pista per 30 giorni di viaggio.

La Mauritania e’ affascinante per le sue difficili piste, la sua gente, i suoi innumerevoli cammelli al pascolo e il suo deserto verde, la vera sorpresa del viaggio.


Indice



-----------------------

In attesa del Libro:
L'EPOPEA DEL 
 
MOTOCLUB 4X4
AVVENTURE
 
Tutte le relazioni 
dei raid realizzati 
dal nostro 
MotoClub4x4
      INDICE

INIZIAZIONE AL DESERTO CON MOTO A NOLO
Storie racconti ed immagini della nostra più grande avventura africana

 Gruppo Zambon
My Faraoni's Rally
----------------------

ZAMBIA NAMIBIA RAID
2011 - Gruppo Kulczycki

----------------------

RIFT VALLEY RAID
2010 - Gruppo Kulczycki

----------------------

TRANSANDINA RAID
2010 - Gruppo Barba

----------------------

THAI LAOS MOTO RAID
2009/10 Gruppo Zambon-Losi
-----------------------

PATAGONIA RAID
2009/10 Gruppo Di Nauta

----------------------

ETIOPIA KENYA TANZANIA RAID
2009 Gruppo Mattei

----------------------

OMO RIVER RAID
2009 Gruppo Barba

----------------------

AFRICAUSTRALE RAID

2009 Gruppo Gioetto

----------------------

TRANSANDINA RAID
2009 - Gruppo Cerpelloni

----------------------

BORNEO RAID
2009 - Gruppo Kulczycki

----------------------

OMO RIVER RAID
2008-2009 Gruppo Tullini

----------------------
PATAGONIA RAID
2008-2009 Gruppo Capra

----------------------
DANCALIA RAID
2008-2009 Gruppo De Longis

----------------------
WEST AFRICA RAID
2008-2009 Gruppo Losi Marna 
-Garavelli Sandro

----------------------
TRANSAFRICA NORDSUD 
2008 - Gruppo Kulczycki

----------------------

TORTUGUERO RAID  2008
Gruppo Ramperti

----------------------

TRANSANDINA  2008
Gruppo Gioetto

----------------------

MURZUK-LIBIA RAID EXPRESS
2006 -
Gruppo Kulczycki

----------------------

OMO RIVER RAID
2008 - Gruppo Gioetto

----------------------

ITALIA LIBIA RAID
2008 - Gruppo Turchi

----------------------

ITALIA SUDAN RAID
2007/2008 - Gruppo Garavelli

----------------------

MEKONG MOTO RAID
2007/2008 - Gruppo de Longis

----------------------

MADAGASCAR RAID 4X4
2007 - Gruppo
de Longis

----------------------

TRANSANDINA 2007
Gruppo Bernardini

----------------------

TRANSAMAZZONICA RAID
2007 - Gruppo Ramperti

----------------------

ASIA RAID 2007
Gruppo Arnoldi

----------------------

YEMEN OMAN RAID
2006/2007 -
Gruppo de Longis

----------------------

DANCALIA RAID-ETIOPIA
2005
- Gruppo Mattei

----------------------

ROYAL ENFIELD INDIA RAID
2006/2007 - Gruppo Rizzo

----------------------

TRANSANDINA 2006
Gruppo Forzoni

----------------------

LADAKH INDIA RAID
2006 - Gruppo Kulczkycki

----------------------

SILK ROAD RAID 2006
Gruppo Castagna

----------------------

TRANSAUSTRALIA 2005
Gruppo
Kulczycki

----------------------

TRANSANDINA 2005
Gruppo de Longis

----------------------

MARCO POLO 2005
Gruppo Pistore

----------------------

GREAT SAND RAID 2005
Gruppo Kulczycki

----------------------


NEPAL TIBET RAID 2004
Gruppo Kulczycki

----------------------


CINA TIBET RAID 2004
Gruppo Cristani

----------------------

CAMERUN RAID 2004
Gruppo Alex Monticone

----------------------

BLUE NILE RAID
2003/2004 - Gruppo Kulczycki

----------------------
AFRICAUSTRALE RAID
2003-
Gruppo Kulczycki
----------------------

MOTOAFRIKA 2003

----------------------

OMO RIVER RAID
2003-Gruppo Cairoli

----------------------
GILF KEBIR RAID
2003-Gruppo Garavelli

----------------------
DJANET TAM DJANET
2003-Gruppo
Kulczycki

----------------------

OMO RIVER RAID 2002
Gruppo Kulczycki

----------------------
MONGOLIA SIBERIA RAID 2002
----------------------
TRANSANDINA 2002
----------------------
TRANSANDINA 2001
Gruppo Kulczycki 

----------------------

ASIA RAID 2000
Gruppo Kulczycki